Windows Phone non è più nei piani di Microsoft, lo dice Joe Belfiore

Attraverso le parole di Joe Belfiore, è il Corporate Vice President, Operating Systems Group di Microsoft, arriva finalmente un chiarimento su qualcosa che avevamo già capito da parecchio tempo: Windows Mobile (o Windows phone, chiamiamolo un pò come ci pare) non rientra più nei piani di Microsoft.

Belfiore, che in Microsoft è uno dei dirigenti più alti in grado, ha risposto ad alcuni tweet di utenti desiderosi di sapere le sorti dei loro smartphone targati Microsoft. Naturalmente ciò che ha detto non è che sia qualcosa di cosi clamoroso visto che ha solo confermato ciò che sapevamo già, ma i tweet di risposta sono abbastanza significativi.

Sebbene il supporto sia garantito, almeno fino al 2020 come vi abbiamo già riportato, non ci saranno nuove feature e tanto meno nuovi device, è ora ufficiale.

Eccovi uno dei Tweet:

Che in italiano significa: Continueremo a supportare la piattaforma … bug fix, aggiornamenti di sicurezza. Ma la realizzazione di nuove funzionalità/hardware non rappresentano il focus.

Uno dei motivi per cui Microsoft abbia deciso di abbandonare questo progetto sarebbe l’impossibilità di “sfondare” nel mercato visto il dominio assoluto di Android e iOS.

Microsoft è cosciente del fatto che la maggioranza delle persone che utilizzano smartphone sono in altre piattaforme sebbene posseggano un PC e per questo si impegnerà a supportarle, come abbiamo visto con il rilascio di Microsoft Edge e il nuovo launcher Microsoft per iOS e Android.

Non è da escludere a priori che in futuro Microsoft si servirà di Windows 10 (e non di W10M) per dar corpo a futuri dispositivi ”mobile”. Il progetto più promettente, da questo punto di vista, è rappresentato dai terminali ARM compatibili con Windows 10.

Al momento, però, l’unica cosa che possiamo darvi per certa è che i vertici di Microsoft lasciano chiaramente intendere che W10M è giunto al capolinea.




Reply