Windows 8: stravolgente aggiornamento in arrivo entro il 2013

A pochi mesi dal lancio di Windows 8 e con 40 milioni di licenze già vendute, voci di corridoio già parlano di Windows Blue: il primo aggiornamento che porterà modifiche all’intera piattaforma, un abbassamento dei prezzi ed addirittura – udite udite – una probabile distribuzione gratuita.

Redmond – Windows Blue sarà la prima mossa di Microsoft dopo il lancio del nuovo sistema operativo. Non si tratta certamente di una major release, ma neanche di un semplice service pack. A quanto pare la nuova “pillola Blue” di Microsoft è qualcosa che non se era mai vista in quel di Redmond, capace di portare uno stravolgimento nelle abitudini distributive di Microsoft.

La bomba l’ha lanciata in rete Tom Warren di The Verge facendo dichiarazioni piuttosto precise alle quali non è seguita alcuna smentita da parte di Microsoft (temono forse di alzare troppa polvere e arrestare le vendite di Windows 8). Nell’articolo si legge che l’aggiornamento potrebbe includere cambiamenti nell’interfaccia e corpose modifiche all’intera piattaforma e soprattutto al prezzo.

“Microsoft vuole che Windows Blue sia installato da tutti. L’approccio è semplice: l’azienda stabilirà un prezzo per la sua prossima versione di Windows molto basso o addirittura lo distribuirà gratis per assicurarsi l’aggiornamento degli utenti. Quando Blue sarà disponibile, l’SDK di Windows sarà aggiornato per supportare la nuova versione e Microsoft non accetterà più applicazioni realizzate specificamente per Windows 8, spingendo gli sviluppatori a creare applicazioni per Blue. Le app per Windows 8 continueranno a girare su Blue, malgrado i cambiamenti pianificati all’SDK. Per installare Blue ovviamente servirà una copia “genuina” di Windows 8 dato che le applicazioni integrate e Windows Store cesseranno di funzionare se la copia aggiornata è stata piratata.”

Volete sapere la presunta data di uscita di Blue? metà del prossimo anno!! Davvero pochissimo tempo dal lancio di Windows 8. Perchè questa fretta? noi crediamo che sia determinata soprattutto dalla concorrenza: sia iOS che Android sono in costante miglioramento ma certamente non hanno introdotto aggiornamenti “stravolgenti”. Microsoft pare voglia approfittare di ciò per lanciare un aggiornamento “bomba” che catalizzi l’attenzione del pubblico verso il suo universo e soprattutto dimostri il risveglio di un leone che da troppo tempo è sonnecchiante

Un’ultima considerazione: un tempo parlare di distribuzione gratuita in casa Microsoft era un’eresia e comportava l’immediata scomunica. Segno che i tempi cambiano per tutti!!




Reply