Virus polizia di stato arriva anche su Android, ecco come rimuoverlo

Dopo i ripetuti attacchi nei confronti degli utenti Windows adesso il famosissimo virus (dapprima chiamato Guardia di finanza) Polizia di Stato approda anche su dispositivi Android. Stiamo ricevendo in questi giorni migliaia di segnalazioni dai nostri lettori e per questo motivo abbiamo deciso di fare un articolo. Ricordiamo tutte le varianti di questo virus (virus Guardia di Finanza, Polizia Postale, Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (CNAIPIC), Polizia Penitenziaria)

Iniziamo col dire che al 90% questo virus viene preso tramite il browser del dispositivo, rendendo di fatto la navigazione ad internet impossibile.  Siamo riusciti a rimuovere il virus da alcuni terminali Android eseguendo una pulizia dei dati salvati dal browser internet, questo proprio perché il malware viene preso dopo l’installazione di alcune app

Prima di tutto andiamo a cercare cosa ha causato il problema all’interno del vostro dispositivo.

Andiamo in

IMPOSTAZIONI –> GESTIONE APPLICAZIONI –> SCARICATE

oppure(dipende dai dispositivi e dalle versioni di Android)

IMPOSTAZIONI –> APP –> SCARICATE

e verificate se c’è qualche APP strana scaricata da poco(ordinate per le più recenti), nel dubbio rimuovetela.

Successivamente spostiamoci in “tutte” le applicazioni e cercate BROWSER o INTERNET (dipende sempre dalle versioni di Android). A questo punto fate prima “Termina” e poi “Cancella dati”. Su alcune versioni, invece, il tasto termina si chiama “Arresto”.

Ecco, adesso una volta rifatto il riavvio del dispositivo il telefono non dovrebbe presentare più anomalie. Se non avete ancora risolto, fortunatamente, il malware è riconosciuto dai principali motori di scansione antimalware: quindi, probabilmente, questo è un motivo in più per installare una buona app antivirus su Android.

Scriveteci la vostra esperienza nei commenti al fine di aiutare gli altri utenti




109 Comments - Add Comment

    • mm
        • mm
    • mm
    • mm
    • mm
        • mm
    • mm
    • mm
    • mm
        • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm
    • mm

Reply