Virus bufala "Centro Nazionale Anticrimine Informatico"

Sul web impazzano falsi virus della GdF, SIAE e ora anche del CNAIPIC ovvero il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche. Una malattia che si propaga a macchia d’olio su tutto il territorio italiano e non solo. 

Questa nuova variante del virus della GdF mostra anch’esso una pagina web che chiede stavolta 100 € per sbloccare il pc “infetto”. I loghi sono quelli del CNAIPIC e presentano un banner superiore con la descrizione.

Per il fantomatico pagamento il sistema pubblicizza Ukash e Paysafecard per il pagamento di questa tassa di sblocco. Sebbene non sia ancora diffuso, la Polizia Postale invita gli utenti a munirsi di software antivirus aggiornato e consiglia di navigare sul web con un account utente senza diritti amministrativi sulla macchina, per limitare l’effetto del malware.

Sebbene la tipologia sembra la stessa del malware della GdF i metodi di risoluzioni sono vari e incerti.




4 Commenti - Aggiungi commento

    • mm
    • mm

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.