Usare il cellulare la notte non fa dormire?

0
61
Luce blu disturbo del sonno

E’ un po’ come quando si parla di qualche misteriosa malattia di cui non si ha la certezza se esista o meno: può davvero uno Smartphone disturbare il nostro sonno e non farci dormire? Vediamo quali sono i sintomi più discussi e perché questi possono davvero levarci il sonno.

Lo smartphone usato di notte disturba?

Specifichiamo una cosa che esiste ormai da anni, del quale si cerca da tempo di diminuire in qualche modo senza sacrificare troppo la qualità degli schermi: La luce blu. Si tratta d’una particolare luce che il nostro occhio non vede chiaramente, ma inganna il nostro cervello a “svegliarsi” di più e a rimanere “sveglio”. Delle ricerche di universitari hanno dimostrato come la luce blu emessa dal cellulare e “sparata” negli occhi inibisce la produzione dell’ormone del sonno, la melatonina, sconvolgendo il nostro riposo. 

Questo è un problema che è stato studiato ed provato da tempo. Non è stato ancora possibile eliminare direttamente la luce blu senza sacrificare qualche dettaglio vitale del display, perciò al momento dobbiamo “conviverci” in qualche modo.

Con quali metodi possiamo combattere la Luce Blu?

  • Utilizzate un programma o una modalità che attiva una “tinta rossa” sul vostro schermo. Questo eliminerà quasi del tutto il problema.
  • Abbassate sempre la luminosità dello schermo al minimo, non tenetela al 90 o 100%.

Ma c’è attualmente dell’altro, e questo riguarda in particolare giochi o altre attività “eccitanti” che possiamo fare al cellulare. Leggere o guardare un filmato può essere rilassante e accettabile la buona parte delle volte, ma è stato comprovato che fare una partita ad un gioco d’azione o particolarmente intenso diminuisce la nostra abilità di prender sonno.

Questo è dovuto al rilascio di vari componenti chimici nel nostro corpo quando c’agitiamo per qualcosa, che ovviamente, ci rende più svegli. Ragionare o scattare di riflesso per qualcosa che vediamo sullo schermo, ad esempio, può creare questo problema.

Logicamente va specificato che questo dipende molto dalla persona. Potreste considerare l’ultimo gioco d’azione come una passeggiata, ma magari non è tanto sbagliato provare a guardare qualcosa di “calmo” una volta ogni tanto.

L’ansia delle news su facebook e twitter

Infine, dobbiamo specificare la tipica ansia da social network. Controllare gli ultimi messaggi su Facebook o Twitter è quasi considerata una reazione compulsiva, ma è spesso una faccenda personale a noi.

Il pensiero continuo di controllare quel che sta succedendo nella Home, però, può onestamente portarci via il sonno.

Che cosa dire, perciò?

E’ vero. Utilizzare il cellulare la notte può davvero eliminare tutto il nostro sonno se non facciamo attenzione, al limite danneggiarlo. E’ bene perciò prendere le giuste precauzioni, optando per le giuste Apps o per – giustamente – un utilizzo migliore dello Smartphone.

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra in merito.


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.