Unione Europea allerta EBAY, troppi prodotti contraffatti

La decisione arriva in seguito ad alcune accuse depositate da aziende come L’Oréal, Hermès e Tiffany: eBay il più famoso sito di aste online, non può risultare innocente quando sul suo mercato viene trattata la compravendita di materiale falso o contraffatto.

Si sa che sul “mercato”(in tutti i sensi) di eBay siano facilmente reperibili prodotti falsi a prezzi decisamente convenienti rispetto agli originali, chi di noi non lo sa.

Scarpe, orologi, profumi, gioielli, software, qualsiasi altra cosa vendibile!!!

La colpa di eBay?

La completa assenza di regole che possano limitare questo fenomeno, ma non solo.

Al momento la Corte di Giustizia dell’Unione Europea non preveda responsabilità quando un servizio si limiti ad ospitare le inserzioni degli utenti, la responsabilità c’è quando a questi utenti viene fornita assistenza.

Assistenza che si tramuta in ruolo attivo come ad esempio fornendo strumenti per l’ottimizzazione della pagina o agevolando la compravendita di prodotto contraffatto.

Di fatto è proprio l’assistenza che fornisce la piattaforma a non giocare il ruolo di neutralità richiesto dall’UE.

Riportiamo un estratto della decisione della corte:

“Quando l’operatore ha giocato un ruolo attivo di questo tipo, non può pensare di essere esente dalle normative che la legge Europea prevede, in certe condizioni, sui servizi come marketplace online”.

C’è da sottolineare che, secondo la decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, sia il ruolo attivo del servizio a violare la legge: non ci sono limiti o problemi legati all’utilizzo di eventuali marchi registrati da determinate aziende.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.