Tutor in autostrada: multe non valide senza la foto!

Giusto per chi non lo sapesse il SICVE (Sistema informativo per il controllo della velocità), detto anche Safety Tutor, è un sistema per la misurazione media della velocità dei veicoli introdotto nel 2004 inizialmente su alcuni tratti della rete di Autostrade per l’Italia.

A differenza del normale autovelox, che misura la velocità istantanea dei veicoli in una certa sezione stradale, il Tutor ne misura invece la velocità media tra due sezioni lontane anche diversi chilometri, in modo da fornire una misura attendibile ed incontestabile per rilevare le infrazioni, senza penalizzare chi supera il limite di velocità per brevi tratti come, ad esempio, durante un sorpasso.

Un’azienda di Alessandria ha fatto un ricorso nei confronti di una multa presa in autostrada presa tramite il TUTOR sul tratto Genova-Alessandria-Gravellona Toce della A26.

Senza l’immagine la notifica è incompleta e la multa non è valida.

Un ricorso che in parte rivoluziona il sistema dei “tutor”, costretti quindi a inviare anche il fotogramma dell’auto alla quale è stata calcolata una velocità media superiore a quanto indicato.

A stabilirlo è stato il giudice di pace del tribunale di Alessandria che nei giorni scorsi ha dato ragione al legale che rappresentava l’azienda vittima della multa. Il giudice ha accolto le richieste della difesa che sosteneva come in mancanza dell’invio dei rilievi fotografici mancava la prova della violazione.




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.