Truffa Instagram, attenzione! Ecco cosa succede

0
678
instagram download

Degli Hacker turchi hanno escogitato un metodo per rubare gli account Instagram di personaggi più o meno celebri, vale a dire personaggi che hanno più di 10.000 followers. Per riavere poi indietro il proprio account, i criminali chiedono del denaro. Vediamo come difendersi da questa nuova minaccia.

La truffa che circola su Instagram

I truffatori per adescare le possibili vittime inviano una mail con un contenuto molto “appetibile” a chi ha molti followers: Il badge blu (vale a dire il segno di spunta che identifica come un account sia “verificato” e “originale”).

La mail dice che il team di Instagram ha eseguito alcune verifiche e che il vostro account è ideneo a ricevere il badge di riconoscimento per l’account verificato. Solitamente il segno di spunta blu viene assegnato per lo più a personaggi noti, influencer, VIP, attori, cantanti, calciatori, etc, etc. Personaggi che hanno almeno 10.000 followers o più. Per questo in prefazione abbiamo parlato di personaggi più o meno noti.

Eccovi come si presenta la mail:

truffa instagram account verificati

Come funziona?

All’interno della mail c’è un “pulsante” chiamato Verify account. Se l’ignaro utente fa click su di esso viene reindirizzato verso una pagina del tutto simile a quella di Instagram. All’interno di questo sito truffa vengono richiesti dei campi da inserire. Tra questi figurano la data di nascita, l’email e le credenziali di accesso complete di Instagram.

L’utente, pensando di star inserendo i suoi dati di accesso sul noto portale, non sa che invece sta fornendo l’accesso al proprio account a degli hacker che poi a loro volta lo renderanno inutilizzabile al proprietario.

Cosa fanno gli hacker una volta in possesso del vostro account?

Semplice. Una volta che i criminali informatici si impossessati dell’account, chiedono un “riscatto” per farvi entrare in possesso del vostro account.

Al momento non ci sono segnalazioni di truffe in Italia, ma è bene tenersi pronti. Come spesso accade in questi casi si parte dagli USA ma poi pian piano si arriva anche in europa.

Fate attenzione amici lettori.


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.