Tim Cook al D10 parla del futuro di apple, del nuovo iOS 6, Siri ed iTV!

Questa notte si è tenuta l’intervista a Tim Cook durante la conferenza D10. Vediamo tutto ciò che ha dichiarato il n° 1 di Apple.

L’ipad

Non ho mai visto un prodotto nel campo tech che i consumatori hanno amato istantaneamente, amato dal mondo del business, dal mondo scolastico e dalle persone di tutte le età.

Steve Jobs

Una parola viene dedicata a Jobs, e dell’incredibile lavoro che ha svolto per Apple, nonostante la sua prematura scomparsa. Cook, rispondendo con un espressione emozionata, afferma di aver imparato molto da Steve Jobs e cerca di continuare a “comandare” con la sua determinazione, non ha intenzione di modificare Apple, non può farlo, Steve ha lasciato la sua passione nell’azienda e questo non cambierà.

Domanda

Quanto è differente Apple con te come CEO?

Risposta:

Ho imparato molto da Steve. E ‘stato uno dei giorni più tristi della mia vita quando è morto. Ad un certo punto alla fine dell’anno scorso, qualcuno mi ha scosso e ha detto, è il momento di andare avanti. E’ così che la tristezza è stata sostituita con questa intensa determinazione. Cosa ho imparato da lui? Potremmo stare qui tutta la notte. Ho imparato che la focalizzazione è fondamentale – in una società e nella vita privata. Si possono solo fare tante cose grandi, e si dovrebbe mettere da parte il resto. Ho imparato che possedere la tecnologia è importante. Fare grandi cose – non accettare il bene, ma solo il meglio. Questa logica è incorporata in Apple, abbiamo una cultura di eccellenza che è praticamente unica. Mi ha anche insegnato che la gioia è nel viaggio, e ha insegnato a tutti noi che la vita è fragile. Non abbiamo la garanzia del domani, quindi facciamo tutto quello che possiamo.

Segretezza

Cook ha sottolineato come nei prossimi anni Apple cercherà di raddoppiare il livello di segretezza, per evitare che alcune informazioni su prodotti e servizi che stanno per essere lanciati, trapelino in anticipo, visto che spesso forniscono dettagli e punti di vista ingannevoli che danneggerebbero soltanto la figura dell’azienda.

Facebook e iOS 6

Prima dell’uscita di iOS si parlava di una integrazione in iOS di Twitter e Facebook, l’unica che si è realizzata però è la prima, mentre per la seconda bisognerà attendere ancora, ma secondo quanto riporta Tim Cook potrebbe arrivare con la nuova versione di iOS 6.

Domanda: Che cosa sta succedendo tra voi e facebook?
Risposta: Facebook è una grande azienda.

Domanda: Bene, quando vado a condividere con il mio iPhone, Twitter è lì, ma non vedo Facebook. Com’è il rapporto con Facebook?
Risposta: Penso che il nostro rapporto sia buono e penso che possiamo fare molto di più con loro. Restate sintonizzati.

Domanda: Steve disse che erano onerosi. Sono ancora onerosi?
Risposta: Loro hanno il loro modo per fare le cose. La gente diceva questo di noi. Ciò non significa che non si può lavorare con loro. Vogliamo fornire ai nostri clienti un modo semplice per fare ciò che vogliono fare. Facebook ha milioni di clienti. Vogliamo avere la migliore esperienza sulla nostra piattaforma.

Apple TV: come cambierà la TV?

Cook inizia a spiegare come Apple impiega il suo tempo in poche cose, e se vede che qualcosa non funziona dedica il proprio impegno ad altro. Lo scorso anno sono state vendute poco meno di 3 milioni di Apple TV, non solo, nei primi mesi di quest’anno sono state vendute circa 2.7 milioni di modelli e sicuramente Apple continuerà a dedicare tempo anche a questo prodotto o a un evoluzione di questo. Riguardo i contenuti della iTV, Tim Cook parla della realizzazione di partnership ideali e non di produrre autonomamente i contenuti, come è già successo con iTunes: esistono 30 milioni di brani nell’iTunes Store, ed Apple non ne ha composto nemmeno uno.

Siri

Uno degli ultimi temi di cui s’è discusso è stato Siri, l’assistente vocale introdotto con l’iPhone 4S: dalle parole di Cook il team di Apple starebbe sviluppando diversi progetti attorno a Siri, che verranno presentati prossimamente. Inoltre il CEO descrive l’assistente vocale come una delle funzioni più famose dell’iPhone, nonostante sia ancora in una fase di sperimentazione, e col tempo verrà migliorata.

“Abbiamo dei progetti fantastici per aggiungere moltissime funzioni a Siri, Siri dimostra che le persone vogliono relazionarsi con il proprio telefono in un modo diverso. Inizialmente con l’iPhone non c’erano grosse novità, ma con l’arrivo del touch tutto divenne bello e nuovo. Io credo che la voce, soprattutto quando è in grado di comprendere il contesto e non solo riconoscere la voce, è ciò che rende Siri un’ottima funzione, ha un carattere adorabile. Siri non è un semplicemente riconoscimento vocale, è intelligenza artificiale, ecco perché ha lasciato il segno. E’ ciò che la gente ha sognato per anni. E potrebbe espandersi sempre di più, ed è per questo che vediamo un enorme potenziale in Siri e questa intelligenza artificiale è diventata una delle principali feature per Apple. Quando le gente sente “Siri” sa di cosa si sta parlando, ed è fantastico pensare che è stata introdotta dallo scorso Ottobre.”

Eccovi l’intera intervista:




Tags:

Reply