Smartphone in carica tutta la notte rovina la batteria?

L’argomento delle batterie sugli smartphone è analogo a quello delle automobili o delle partite di calcio: quasi tutti hanno la loro opinione in merito. La cosa importante però, sono i fatti reali e non quelli inventati.

Un’abitudine catastrofica(secondo alcuni) sarebbe quella di lasciare in carica lo smartphone per tutta la notte, poiché il dispositivo rimanendo collegato tutta la notte all’alimentatore, continua a ricaricarsi malgrado la batteria sia già carica.

Ne consegue che la batteria tende a scaldarsi, potrebbe dilatarsi o in casi estremi addirittura esplodere. Secondo la credenza popolare, la causa di tutto questo dovrebbe essere la mancanza di una funzione che disattivi lo smartphone non appena è stato raggiunto il livello massimo di carica.

Smartphone in carica tutta la notte: si rovina?

Anni fa si, ma adesso questa cosa è superata grazie alle batterie a litio. Qualche anno fa le batterie erano realizzate principalmente in nichel, proprio come la maggior parte delle batterie Duracell o Energizer che si possono acquistare tutt’ora nei negozi.

Questo tipo di materiale (il nichel) “soffriva” del cosiddetto “effetto memoria“, ovvero la tendenza ad avere una memoria ciclica. Se tra un ciclo e l’altro le batterie non erano ricaricate completamente, potevano “dimenticarsi” della loro massima capacità e offrire una minore capacità di ricarica.

Le batterie di oggi sono fatte a ioni di litio, e quando il vostro smartphone raggiunge la carica massima smette di caricare grazie ad un circuito che ha al suo interno e interrompe la carica. Ve ne accorgete anche dall’alimentatore che non scalda più.

A quel punto, in pratica, lo smartphone è alimentato bypassando la batteria, che quindi non si scarica per questa ragione.

L’operazione di ricarica, la batteria o i suoi circuiti protetti, non fanno alcuna distinzione tra il giorno e la notte. Inoltre, in conformità alla norma dell’Unione Europea EN 60950-1, ogni prodotto venduto nell’UE deve essere in grado di tenere sotto controllo qualsiasi avaria (“Fault Condition Tests”).

Alcuni parlano di possibili problemi di surriscaldamento della batteria durante la carica notturna. La batteria potrebbe danneggiarsi se il suddetto circuito non funzionasse portando ad un surriscaldamento eccessivo dei suoi elementi interni. Ma questo potrebbe avvenire in qualsiasi momento, anche se state caricando lo smartphone di giorno.

Se non devo più lasciare sotto carica di notte il mio smartphone, perché potrebbe essere “pericoloso”, il dispositivo non dovrebbe dunque mai essere lasciato incustodito sotto carica non vi pare?

E che facciamo ci mettiamo a fare la guardia al cellulare? 🙂

State tranquilli, i cellulari sono progettati per questo tipo di cose.




Reply