Smart TV spiate dalla CIA? Ecco qualche info a riguardo

Forse lo sospettavamo in tanti, ma nessuno aveva il coraggio di ammetterlo chiaramente e senza mezze misure. Ci riferiamo alla sicurezza delle Smart TV, ovvero i televisori intelligenti che si collegano a Internet? Se i computer, smartphone, tablet sono in pericolo continuo, perché un televisore connesso alla rete dovrebbe essere più sicuro?

La cosa non regge infatti. In effetti, stando a quanto emerge dagli ultimi documenti segreti della CIA che, come spesso accade, sono stati resi pubblici da WikiLeaks, il sospetto è diventato una dura realtà.

Smart TV spiate, cerchiamo di capire qualcosa in più

Prima di tutto bisogna dire chi è WikiLeaks e se è attendibile come fonte. WikiLeaks è l’organizzazione di Julian Assange (ne avrete certamente sentito parlare) che puntualmente scova e rende pubblici documenti segretissimi trafugati da fonti super protette.

L’ultima rivelazione di Wiki-Leaks è una raccolta di 8.000 file contenenti documenti altamente tecnici riguardanti praticamente di tutto. Si tratta di materiale rubato dagli hacker da posizioni credute sicure e inespugnabili

E ci sono anche documenti inerenti le SmartTV. I televisori di nuova generazione rapprenterebbero un’arma efficace per spiare le case delle persone. Già qualche anno fa, era stata ventilata un’ipotesi del genere, ma dai documenti trafugati sembra che la faccenda sia più seria del previsto.

Stando a queste carte, la CIA già dal 2014 è in grado di impiantare negli Smart TV collegati al web un software malevolo, in grado di registrare tutto quello che si dice intorno al televisore.

Weeping Angel

Questo software ha anche un nome: “Weeping Angel” cioè Angelo Piangente. E se al televisore è collegata una webcam? Possiamo solo immaginare cosa si possa fare!!

Insomma, i documenti pubblicati danno la certezza matematica che l’internet delle cose, come viene “definita” la tecnologia che collega gli oggetti al Web, può e viene usato per scopi di spionaggio.

Si parla addirittura di marchi famosi di Smart TV attualmente in commercio violati da questo malware, anche se non ci è dato sapere i nomi (nel web indiscrezioni parlano di Samsung, ma non c’è nulla di ufficiale a riguardo ovviamente)

Beh, non allarmatevi più di tanto. Al momento se spionaggio c’è stato riguarda per lo più gli Stati Uniti D’america




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.