Scandalo Wikipedia: due collaboratori accusati di corruzione!

Spazi del sito nella versione inglese venduti a scopi di lucro: questa è l’accusa rivolta a Roger Bamkin, consulente per le pubbliche relazioni di Wikipedia.

L’allarme è scattato lunedì direttamente da una discussione aperta sul noto sito dell’enciclopedia web: la pagina dedicata a , all’interno della quale era presente una pubblicità “abusiva” è apparsa numerose volte nel periodo di agosto e settembre. Roger Bamkin, attraverso la funzione Did You Know ha fatto in modo che la pagina comparisse ben 17 volte solo nel mese scorso, favorendo un suo interesse e contravvenendo al principio fondamentale di Wikipedia, l’essere cioè un’enciclopedia libera e senza scopo di lucro.

Il padre fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales ha così commentato l’accaduto:

“È terribilmente sbagliato che un membro di Wikipedia, o chiunque altro che ricopra ruoli ufficiali in qualsiasi tipo di beneficenza associata a Wikipedia, riceva denaro dai suoi clienti per assicurare un piazzamento favorevole sulla home page di Wikipedia o altrove”.

E come se non bastasse ad infangare il nome della Wikimedia Foundation UK, l’associazione no profit che cura Wikipedia, un’altra notizia sconcertante: Max Klein, responsabile dei rapporti con gli archivi, i musei e le associazioni che collaborano con Wikipedia, è risultato essere titolare di un’azienda, Untrikiwiki, il cui sito mostra come le pagine di wWIkipedia possano essere sfruttate come strumento per l’ottimizzazione SEO. Klein, insomma, avrebbe sfruttato la possibilità di accedere ad informazioni ed aree non disponibili per altri utenti al fine di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca delle pagine dei propri clienti, parlando di oltre 10.000 modifiche apportate nel corso degli anni.

L’accusa per entrambi wikipediani è di corruzione; il problema fondamentale è che non esistono controlli e norme che vietino di modificare le pagine; speriamo che non ne paghi le conseguenze la libera e soprattutto “gratuita” informazione.




2 Comments - Add Comment

    • mm

Reply