Registro pubblico delle opposizioni, serve a qualcosa o no? Il Garante privacy corre in aiuto

Sono molte le segnalazioni di nostri lettori che, sebbene già iscritti al Registro Pubblico delle Opposizioni, continuano ad essere “disturbati”(a qualsiasi ora del giorno e talvolta anche della notte) da chiamate da parte di call center per proposte di vendita servizi o beni.

Il registro pubblico delle opposizioni, cos’è

Il Registro Pubblico delle Opposizioni è un servizio concepito a tutela del cittadino, il cui numero è presente negli elenchi telefonici pubblici, che decide di non voler più ricevere telefonate per scopi commerciali o di ricerche di mercato e, in pari tempo, è uno strumento per rendere più competitivo, dinamico e trasparente il mercato tra gli Operatori di marketing telefonico

Funziona il Registro pubblico delle opposizioni?

A quanto pare NO. O, almeno non del tutto. Il primo problema è dato proprio dal fatto che se il vostro numero non è presente negli elenchi telefonici pubblici non vi potete iscrivere al registro delle opposizioni poichè se provate a fare la registrazione vi viene fuori “impossibile iscriversi perché il numero già non è sull’elenco”.

Questo perchè uno dei requisiti del sito è che tale registro è Rivolto esclusivamente agli Abbonati la cui numerazione è presente negli elenchi telefonici pubblici

A parte quest’aspetto abbiamo numerose altre segnalazioni di lettori che, pur iscritti a questo servizio, ricevono comunque le chiamate “moleste”

Purtroppo, nella maggior parte dei casi da noi analizzati, il numero di telefono lo avete fornito voi stessi a questi call-center: Si perchè non avete considerato alcuni aspetti!

Il primo si lega al Consenso al trattamento dei dati sensibili ai fini commerciali, che viene fornito al momento della stipula di un contratto e che non decade neanche con la chiusura di quest’ultimo.

Il secondo: le aziende comprano “tariffari” completi di cognome, nome e, ovviamente, numero di telefono da contattare per vendere qualcosa, che sia un abbonamento o un prodotto.

I nominativi, poi, finiscono in un “vortice” complesso di società che se li scambiano e, via via, i dettagli su di noi aumentano in maniera esponenziale: sesso, professioni, preferenze e status sociale.

Una nuova alternativa offerta dal Garante Privacy

Ulteriore rimedio per cercare di non essere più tartassati da questi call-center viene offerto dal Garante per la Privacy che, nella sezione moduli del proprio sito, ha messo a disposizione degli utenti il modello per poter segnalare la ricezione di telefonate pubblicitarie nonostante l’iscrizione nel Registro delle Opposizioni.

Questa la pagina internet alla quale trovare il modulo da compilare

Speriamo che almeno loro possano fare qualcosa perchè veramente non se ne può più, no? A voi fa piacere ricevere telefonate anche ad orari “assurdi”? Diteci la vostra esperienza in merito




Reply