Rapidgator è tornato online

Qualche settimana fa vi avevamo la notizia che uno dei più famosi siti per il download p2p era stato uscurato. La notizia che vi segnaliamo oggi è che il Tribunale del Riesame di Roma ha dissequestrato sito poiché il blocco dei DNS è stata considerata una misura troppo severa. Sarebbe bastato chiedere la cancellazione dei link illegali.

Ecco le dichiarazioni dell’avvocato del sito Fulvio Sarzana:

Si tratta di un’ordinanza altamente innovativa. Il giudice ha riconosciuto le attività di cyberlocker e piattaforme di file hosting come perfettamente lecite. In sede di riesame è stato stabilito che i legittimi detentori dei diritti debbano dimostrare di aver provato ad ottenere la rimozione dei contenuti ritenuti illeciti, prima di procedere con un provvedimento di sequestro attraverso i vari provider.

Il Tribunale ha riconosciuto che la presenza di un sistema di tipo notice-and-takedown (secondo il modello previsto dal DMCA statunitense) deve portare il titolare alla segnalazione di un file illecito. In assenza di prove sull’effettiva segnalazione del contenuto, l’ordine di sequestro di un intero sito non può permanere

 Il sito rapidgator.net sarà quindi ripristinato “ai fini di archiviazione per conto terzi posto che non è stato attuato, finora, alcun tentativo di ottenere la cancellazione dell’utente responsabile della violazione

L’annullamento riguarda il singolo portale perché lo stesso era stato l’unico ad impugnare il decreto di sequestro.

 




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.