Queste sono le due turiste americane che hanno accusato due dei nostri bravi ragazzi in divisa di un crimine orrendo come lo stupro | Bufala

0
59
facebook down

In questi giorni ha destato molto scalpore (tant’è che ne hanno parlato tutte le testate giornalistiche di rilievo nazionale e le tv) un agghiacciante fatto di cronaca avvenuto a Firenze. Due turiste americane hanno denunciato due carabinieri per stupro.

A seguito della denuncia, le ragazze sono state trasportate in ospedale e sottoposte al test alcolemico risultando essere positive. I medici hanno anche confermato, però, che le due ragazze avevano avuto un rapporto sessuale poco tempo prima.

Subito sono partite le indagini da parte della procura della repubblica sull’accaduto ed è emerso che i due carabinieri avevano realmente accompagnato le turiste alla propria abitazione. La Magistratura farà le opportune indagini e ne sapremo di più nel corso di queste ore/giorni ma nel frattempo vogliamo segnalarvi una bufala che circola in queste ore su facebook.

La bufala su Facebook

In questi giorni, difatti, soprattutto sul noto social network, circola questa foto che dovrebbe ritrarre le due presunte turiste americane, accompagnata dalla seguente didascalia:

Queste sono le due turiste americane che hanno accusato due dei nostri bravi ragazzi in divisa di un crimine orrendo come lo stupro. Grazie Boldrini!

foto facebook bufala ragazze americane

Si tratta solo un fake: basta eliminare la parte testuale della foto ed effettuare con la stessa una ricerca su Google Immagini per trovare tra i primi risultati una pagina web di sei anni fa intitolata “How to nail any girl at any party”, che tradotto significa “Come rimorchiare ogni ragazza in ogni festa”, con la stessa identica fotografia come immagine in evidenza.

Eccovi la foto originale che risale a circa 6 anni fa:

bufala ragazze americane

In pratica l’autore della bufala ha soltanto aggiunto una didascalia alla foto!

C’è anche il presidente della Camera (Boldrini) nella bufala:

Certo, non poteva mancare che venisse inserito un personaggio politico di rilievo nazionale nella bufala. Alcuni addirittura riportano “teorie” di complotto del tipo “sono state pagate dalla Boldrini“.

L’elemento più inquietante di tutta questa storia sono i commenti che circolano nel web da parte di ignari utenti che danno per vera la bufala.

Prima per dar vera una notizia e commentare a più non posso, amici, documentatevi!


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.