Quale carta per la mia stampante? Ecco alcuni consigli

La stampante, cioè la periferica di “output” del computer che si contraddistingue per svolgere l’operazione di stampa su carta di dati scelti dall’utente, ci consente di “trasferire” immagini e/o testi su carta.

In questo articolo vi vogliamo parlare della “materia prima” utlizzata dalla stampante per portare a termine il suo compito (oltre alle cartucce e il toner ovviamente): la carta.

Un pò di storia sulla carta

Per parecchi secoli la carta è stata prodotta dagli stracci, o da vegetali come canapa, juta e lino. Oggi, invece, è ottenuta essenzialmente dalla pasta di legno, cellulosa, paglia, riso e sostanze collanti e coloranti, è fabbricata in stabilimenti industriali con macchine che trasformano l’impasto base e acqua in un nastro di carta continuo avvolto in bobine.

I trattamenti successivi più comuni sono la calandratura (lisciatura maggiore o minore) e la patinatura (levigazione con spalmatura di gesso)

Quale carta per la mia stampante?

La carta è carta, ma non tutti i tipi sono uguali. Sul mercato ne esistono diverse tipologie, formati e qualità, ciascuno più o meno adatto agli usi che se ne devono fare e agli strumenti a disposizione.

Acquistare il tipo di carta più adatto all’uso che se ne deve fare e al dispositivo di stampa che si utilizza può significare non solo qualità di stampa migliore ma anche sensibili risparmi in termini di consumo di carta, di uso del toner e di usura della stampante o della fotocopiatrice multifunzione.

Alcuni consigli su come scegliere la carta per la stampante

Verificare peso e grammatura

Il range varia dai 18 gr, tipici della carta velina, ai 350 gr tipici della carta patinata utilizzata per le copertine dei libri. Documenti e fotocopie vengono stampati su carta con grammatura compresa tra i 60 e i 90 grammi

Scegliere il tipo di carta in relazione al documento

A. Per i documenti contenenti molto testo sono indicati tipi di carta uso mano, più economica ed adatta ad alti volumi di stampa (libri, manuali etc)

B. Per i documenti contenenti molte immagini a colori sono indicati tipi di carta patinata(depliant, riviste, cataloghi etc)

C. Per le stampe in cui l’obiettivo è comunicare in modo originale sono consigliate le cosidette “carte speciali” o “creative”

Il tipo di carta in base alla stampante

Tipo A: la più comune, adatta a stampanti laser, inkjet e fotocopiatrici. Ottima resa.

Tipo B: ideale per tutte le stampanti (inkjet e laser), fax e fotocopiatrici.

Tipo C: utilizzata per la realizzazione di buste contenitrici, economica e ideale per alti volumi di stampa con laser e fotocopiatrici in bianco e nero. Buona resa anche con stampanti inkjet.

Il Formato di Carta

I formati più diffusi per la stampa in ufficio e fai da te sono: l’A3 e l’A4.

A3: ideale per la stampa di grafici, tabelle.

A4: utilizzato per la stampa di documenti e testi

carta




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.