Processori per Smartphone differenze, potenze e spiegazioni

State cercando il vostro Smartphone ideale? Spesso si parte dal suo processore, ma cosa sono questi “Snapdragon” o “Exynos”?

Prima di tutto, specifichiamo una cosa: per quanto molti (e perfino noi!) specifichiamo la cosa come processore (e quindi CPU) gli Smartphone si distinguono meglio per il proprio Chipset. Un Chipset è quel che è meglio definito il SOC (System on a chip) che include tutto quello di cui il Smartphone ha bisogno d’operare in un’unica soluzione che completa CPU, GPU e tutti gli altri accessori hardware.

Per quanto sia possibile riconoscere singolarmente i processori nei singoli Chipset, generalmente si sceglie di distinguere i cellulari secondo quest’ultima definizione.

Processori “Snapdragon” o “Exynos

Snapdragon (ad esempio) è per la precisione un Chipset, non una CPU. Compone tutto il sistema e non un solo componente, anche se può essere comunque corretto intendere lo stesso come un processore. Continuando su questo discorso, parliamo ora dell’architettura di questi Chipset e della CPU contenuta.

Non tutti sono a conoscenza del fatto che gli Smartphone funzionano in un architettura chiamata ARM. Generalmente le CPU di prodotti come PC e MacOS funzionano in un architettura x86, assai diversa da ARM.

Così come quei processori, l’ARM s’è evoluta in parecchi aspetti, arrivando a divedere il tutto in due banchi d’elaborazione: uno con CPU ad alta frequenza per i lavori più pesanti ed una più bassa, dedicata alle varie operazioni di Routine.

Tutto questo è fatto per risparmiare energia ed elaborare la maggior quantità di dati consumando meno batteria possibile. Ogni Chipset può essere OctaCore (8 Core, divisi in due processori da 4) o Hexa (7) o Quad (4) e Dual (2).

Così come il processore, anche la scheda video gioca un ruolo importante. E’ come al solito integrata nel Chipset, ma esistono anche versioni dedicate come quella della Nvidia: ci sono prodotti che portano un chipset chiamato Tegra, capace di sviluppare grafiche d’ottimo livello. A buon esempio il Nintendo Switch è basato su questa tecnologia.

Quali Chipset sono più popolari al giorno d’oggi? Ebbene, eccoli, dal più potente:

  • Snapdragon 835. Della Qualcomm, è al momento il Chipset fra i più potenti del mercato. E’ montato su parecchi cellulari, compreso il famoso Samsung Galaxy S8. Generalmente l’Exynos 8895 è l’equivalente europeo, specialmente nel caso dei cellulari Samsung. E’ ritenuto più potente dello Snapdragon 835, anche se la cosa è sempre continuamente contestata. E’ inoltre creato stesso dalla Samsung.
  • Kirin 960. Della HiSilicon. Montato principalmente nei prodotti Huawei, è un secondo molto vicino. E’ anche montato nei cellulari Honor.
  • Tegra X1. Prodotto dalla Nvidia, è incluso principalmente in qualche Tablet della casa o nel Pixel C di Google.
  • Della Mediatek. Non tanto conosciuto al giorno d’oggi, ma è stato montato su un bel po’ di prodotti più economici. Un buon esempio è il Meizu MX5 o lo Xiaomi Redmi Note 2.

Volendo concludere, quale Chipset dobbiamo scegliere?

Quello più adatto a noi, ovviamente. Il chipset più potente del mercato (Snapdragon 835 / Exynos 8895) può essere una buona scelta se usiamo spesso e molto il nostro cellulare, con video 4K o giochi particolarmente pesanti.

Ma in questa guida, speriamo d’aver reso più chiaro quali sono i chipset, i processori e tutto ciò che li circonda.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.