Parchi Nazionali italiani? Si visitano con Google Streetview

La natura è il nostro più grande patrimonio ed i parchi nazionali e le aree protette del nostro territorio da oggi sono fruibili anche attraverso smartphone e pc.

Da un accordo tra Ministero dell’Ambiente, Federparchi e Google, infatti saranno inclusi nel servizio di Streetview, in modo da poter compiere gli itinerari virtualmente per pianificare visite “reali” e individuare i punti di interesse con foto relative agli aspetti naturalistici dell’area protetta.

Sul sito Federparchi l’iniziativa viene così descritta: 

Federparchi – Europarc Italia, Ministero dell’Ambiente e Google hanno collaborato negli ultimi mesi a un progetto innovativo che da oggi permette di visitare, in rete, tre delle aree protette più belle d’Italia: il parco nazionale del Gran Paradiso, il parco nazionale Abruzzo Lazio e Molise e il parco nazionale della Sila. Una proposta per chi non c’è mai stato e per chi invece questi parchi li vuole rivedere. Meraviglie a portata di mouse, da ammirare dal computer di casa, da smart-phone e i-phone.   Basta andare sul sito del Ministero dell’Ambiente (www.minambiente.it), poi nella sezione dedicata alle aree protette www.naturaitalia.it, infine cliccare su ‘Vivi le aree naturali’.

Google Streetview regala un’opportunità straordinaria al turismo ambientale e sostenibile, pubblicizzando così le nostre bellezze naturali e i nostri parchi.
Il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, ha così commentato l’innovazione raggiunta:

L’iniziativa avviata con Google e Federparchi è di grandissimo interesse per il ministero dell’Ambiente ma, soprattutto per gli italiani che avranno un’opportunità in più e una modalità innovativa per fruire del nostro grande patrimonio naturalistico. Percorrere ‘virtualmente’ sette sentieri di tre dei più bei parchi d’Italia rappresenta un’occasione di conoscere, di viaggiare con gli occhi, ma anche un forte stimolo al turismo coniugando interesse per la natura, tecnologia, strumenti della rete, con un’offerta orientata al pubblico giovanile che e’ particolarmente attento ai temi e ambientali.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.