Miglior Browser 2013: Internet Explorer vs Chrome vs Firefox vs Safari

Il tempo in cui un browser era di molto superiore rispetto ad un altro sta per concludersi. Oggi i browser più polari si sfidano a colpi di versioni e sono tutti al passo con i tempi con ottime performance. La scelta quindi risulta difficile anche se ci sono differenze qua e là che potrebbero far pendere l’ago della bilancia verso un determinato browser a seconda dell’esigenza dell’utente.

Design e semplicità di utilizzo

La moda corrente del design dei browser è quella di scomparire completamente. IE, Firefox, Safari e Chrome tentano di essere il meno invasivi possibili, andando ad utilizzare piccoli bottoni monocromatici che si mimetizzano con l’aspetto del sistema operativo in cui vengono utilizzati. E’ davvero fantastico vedere che i browser odierni hanno tolto tutto quell’ingombro che apportavano in passato.

Google Chrome offre la barra degli indirizzi, utilizzabile anche per le ricerche, più magra e ridotta all’osso in un semplice layout a tab. Come nella maggior parte dei browser, la finestra puo’ essere incredibilmente ristretta anche con molte tab aperte, Chrome fa comunque un ottimo lavoro riuscendo a mostrare i contenuti sia se il browser è completamente espanso sia se è ristretto. Il layout a due barre ospita tutte le funzioni di base che ci si aspetta da un browser (indietro avanti, refresh, home), ma è comunque possibile customizzarle rimuovendo i pulsanti che non riteniamo necessari. Troviamo anche un unico bottone per i preferiti in grado di farci aggiungere in maniera semplice e veloce la pagina che stiamo visitando.

Mozilla Firefox utilizza un layout simile, ponendo la barra delle tab sopra quella dell’indirizzo. Si porta ancora dietro qualche ingombro del passato, rifiutando di unire la barra di ricerca insieme a quella dell’indirizzo come fanno i suoi avversari. Firefox offre lo stesso tipo di bottone per i preferiti come quello di Chrome. Non troviamo niente che lo distingua rispetto agli altri. Invece di utilizzare una icona con un ingranaggio o simile Firefox utilizza un bottone arancione in alto a sinistra con il suo stesso nome, questo occupa un po’ di spazio che volende potrebbe essere risparmiato.

Internet Explorer 10 è il browser più nuovo ed elegante di casa Microsoft. Sfrutta uno dei design più minimalisti, sfrutta una singola barra sia per gli indirizzi che per le ricerche. Inoltre le tab sono posizionate sulla destra di questa barra e non sopra, così da risparmiare ulteriore spazio. Anche IE10 sfrutta il singolo bottone per i preferiti come la maggior parte dei browser moderni.

Safari riceve ancora qualche giudizio negativo per il suo design “orrendo”, ma in realtà non è più così. La nuova versione del browser della Apple è divenuto anch’esso minimalista ma mantenendo comunque una familarietà pe r i vecchi utenti. Anche Safari sfrutta una singola barra sia per gli indirizzi sia per le ricerche come i suoi simili, appena sotto troviamo anche una barra dedicata ai preferiti. Non troviamo il pulsante diretto per l’aggiunta ai preferiti costringendo gli utenti ad eseguire un paio di step per poter aggiungere una pagina ai preferiti. In ogni caso offre un design pulito e semplice che vale un tentativo. Gli utenti Mac possono inoltre sfruttare la funzione a pieno schermo.

Velocità e compatibilità

La maggior parte dei browser sono tutti compatibili con gli standard web e sono tutti abbastanza veloci. Un utente casual probabilmente non riuscirà nemmeno a notare la velocità delle ultime versioni dei browser più popolari di IE, Chrome, Firefox e Safari. Tutti e quattro i browser sono molto più veloci e snelli rispetto a qualche anno fa, inoltre lo diventano ancora di più ad ogni versione.

Ecco alcuni benchmark:

Browser

Acid3

SunspiderHTML5
Vector
HTML5
Bitmap
V8HTML5 Conformità
Chrome
100199.8 ms10.85 fps56.07 fps8621468/500
Internet Explorer 10100133.8 ms22.18 fps59.94 fps6076320/500
Mozilla Firefox100237.0 ms15.56 fps58.77 fps8621393/500
Safari100280.4 ms37.24 fps55.89 fps5377378/500

Quando si trattà di conformità HTML5 Chrome non ha rivali, ma per quanto riguarda i vector e le bitmap HTML5 non ha niente di eccezionale. Safari, anche se ottiene dei punteggi abbastanza bassi nei benchmark Javascript, sorpassa IE10 di 15 punti nella categoria HTML5 Vector, mentre Firefox prende la corona insieme a Chrome nel test javascript V8. I risultati di questi test variano, anche se di poco, ad ogni prova ma vi facciamo presente che comunque tutti questi browser si comportano ottimamente sia in termini di velocità che in termini di compatibilità.

Extra

Le funzioni sono ciò che veramente distingue un browser da un altro dato che la velocità e la compatibilità non sono più davvero un problema. Detto questo, ogni browser ha la sua propria lista di caratteristiche che lo differenziano, da app store in espansione e add-on per varie estensioni e strumenti.

Chrome si differenzia attraverso i suoi costanti aggiornamenti, ma anche attraverso il suo vasto Web Apps Store, che offre applicazioni che confondono il confine tra web e applicazioni locali che lo rendono quasi unico. Gran parte di questa filosofia viene da Chrome OS, il sistema operativo desktop di Google basato sul browser Chrome. Come vi immaginerete Chrome rimane il software più integrato per l’utilizzo dei vari servizi Google (cioè Gmail, Google Drive, ecc.)

Come Chrome, Firefox ha una vasta gamma di estensioni che lo sostengono. Gli sviluppatori hanno dovuto mettere mano a molte di queste per supportare Firefox 19, alcuni utenti si rifiutano di lasciare Firefox solo perché offre estensioni uniche che sono diventati indispensabili per la loro esperienza di navigazione. La maggior parte degli altri browser supportano i componenti aggiuntivi, ma Firefox risulta esserne a capo. Il visualizzatore di PDF integrato è incredibilmente user-friendly, non manca il supporto del browser per MacBook display Retina e le schede raggruppate, e Firefox rimane il più personalizzabile in termini di interfaccia dei quattro browser.

Safari non ha a catalogo la miriade di estensioni per permettergli di rivaleggiare con altri browser, ma ha comunque da offrire una buona dose di estensioni e utility per la produttività e l’organizzazione. A differenza di Firefox e Chrome, però, le estensioni di terze parti sono piuttosto blande e non sono così integrate nel software anche se probabilmente potrebbero esserlo. Alla maggior parte delle estensioni mana anche il fattore “divertimento” che si trova su altri browser, ma si spera che Apple si adopererà per migliorare la galleria di estensioni di Safari in base a come si sta evolvendo il mercato. Tra le estensioni più utili troviamo l’ad-free Safari Reader, che consente di visualizzare solo il testo risparmiandoci pubblicità ed inutili facciate, e l’integrazione completa con iCloud per sincronizzare pagine su tutti i dispositivi.

Con IE10, troviamo una pesante integrazione e l’ottimizzazione per Windows 7 e 8. Molte funzioni, come trasformare le schede in nuove finestre sono molto più facili con il nuovo browser di Microsoft. Esso conserva alcune delle caratteristiche uniche introdotte in IE9, come anteprima individuale per scheda dalla barra delle applicazioni e una nuova funzionalità chiamata pinning, che consente di spostare un sito web sulla barra delle applicazioni di Windows 7/8 come se fosse una normale applicazione così da utilizzare una versione di IE10 specifica per quel sito.

 

Popolarità

StatCounter-browser-ww-monthly-201205-201305

Stando ai numeri di StatCounter, Chrome è attualmente il browser più utilizzato con il 36% dello share. IE e Firefox continuano il loro declino in termini di popolarità avendo il 30% e 21% rispettivamente. Safari resta il più basso con solo l’8% ma mantiene un altissimo share quando si va a guardare il mondo mobile.

Qual è il migliore?

Questa è una domanda a cui non si puo’ dare facilmente una risposta, sicuramente dipende anche dalle preferenze dell’utente. Fino a qualche tempo fa Chrome era il vincitore incontrastato, sia per la velocità sia per un design ridotto all’osso e semplice da usare. Ma ora che anche gli altri browser hanno raggiunto tale velocità e compatibilità con gli standard web non si riesce più a dichiarare un concreto vincitore rispetto ad un altro. Chrome ha portato inizialmente dalla sua una grossa fetta di utenti che ora probabilmente, anche se gli altri browser si sono allineati, non lo lasceranno tanto facilmente.




Tags:

Una Risposta - Aggiungi commento

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.