Microsoft dovrà cambiare nome a Skydrive, scopriamo perché!

Sky in inglese è una parola molto comune e viene molto spesso associata a servizi, pubblicità e marchi.

Nonostante l’uso abituale della parola “cielo”, Microsoft dovrà rinunciare al nome del suo servizio cloud, Skydrive, a causa del gruppo che fa capo a Sky tv: il colosso Rupert Murdoch ha chiesto e ottenuto dalla corte inglese il divieto per l’azienda di Redmond di utilizzare il termine Sky per il suo cloud storage.

L’accusa sostiene infatti che la denominazione del servizio trae in inganno gli utenti che associano il servizio di Microsoft alla piattaforma televisiva: la corte ha quindi stabilito che il servizio dovrà essere ribattezzato con un altro nome.
Fortunatamente al colosso di Redmond è stato concesso un tempo ragionevole per scegliere un nuovo appellativo e non spiazzare gli utenti che utilizzano il servizio.

Non è la prima volta che a Microsoft viene ordinato di cambiare nome ad un suo prodotto: quando fu lanciata la nuova interfaccia di Windows 8 e di Windows Phone, per descrivere lo stile a mattonella fu utilizzato il termine Metro.
Allora la catena tedesca di ipermercati Metro AG intentò e vinse la causa, costringendo Microsoft a cambiare appellativo al suo sistema.

Insomma adesso i vertici di Redmond dovranno concentrarsi molto per cercare un nuovo nome, senza cadere in un terzo e scomodo errore.




Reply