Megaupload, sono stati eliminati tutti i file europei e quindi anche italiani

Kim Dotcom è furioso, a quanto pare tutti i file degli utenti europei del vecchio Megaupload sono stati eliminati definitivamente. Leaseweb, il provider a cui erano affidati tali file, non avrebbe rispettato gli accordi senza nemmeno avvertire il team di Megaupload.

Come alcuni di voi sapranno lo scorso anno il servizio Megaupload è stato chiuso e da quel momento sono iniziate una serie di diatribe legali anche per quanto riguarda tutti i file caricati dagli utenti sul famoso servizio di file hosting.

I provider che ospitavano tali file secondo accordo tra il team di Megaupload e gli Stati Uniti, avrebbero dovuto conservare tutti i file in una sorta di stato di “congelamento” fino a quando non si sarebbe sbloccata la situazione.

A quanto pare Leaseweb ha deciso di liberare spazio ed ha cancellato tutti i file che gli erano stati affidati, ovvero tutti quelli degli utenti europei e quindi anche italiani.

Kim Dotcom saputa la notizia si è subito scatenato tramite il suo account twitter:

Vergogna Leaseweb. Hai fatto milioni di soldi con Megaupload. Le tue azioni non saranno dimenticate dagli utenti di Internet

Leaseweb dice che non abbiamo chiesto di conservare i dati di Megaupload, il nostro legale dice di sì, chi sta mentendo?

La cancellazione è stata effettuata il 1° Febbraio ma solo ora il provider ha dato la notizia, gli altri provider come Carpathia Hosting e Cogent continuano invece a conservare i file come da accordi.

Leaseweb dal canto suo si difende affermando che prima di effettuare la cancellazione hanno avvertito il team di Megaupload ma che non hanno ricevuto alcuna risposta. 

Ma Kim Dotcom smentisce prontamente:

Chiarisco. Leaseweb non ha MAI informato il nostro team legale a proposito della cancellazione dei file fino ad OGGI. Non siamo mai stati avvertiti.

Insomma un bel polverone, anche se a farne spese sono stati gli utenti europei ed i loro file.

 




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.