L'Italia al terzo posto nella classifica della pirateria musicale!

L’Italia medaglia di bronzo…ma non si tratta di un premio dimenticato delle passate Olimpiadi a fare notizia, bensì un piazzamento in una classifica con denotazione negativa.

Il nostro Belpaese infatti è al terzo posto nella classifica dei paesi che effettuano più download illegali di musica; il dato è stato divulgato da Musimetric nel rapporto Digital Music Index e pubblicato in esclusiva dalla BBC.

Lo studio si basa sui downloads non autorizzati effettuati su BitTorrent: al primo posto ci sono gli Stati Uniti con quasi 100 milioni di downloads; seguono l’Inghilterra con 43 milioni di scaricamenti e l’Italia che supera i 33 milioni di download. Canada e Brasile si assestano al 4° e 5° posto.

Tra i brani più scaricati, Talk That Talk di Rihanna, mentre in Gran Bretagna l’artista più scaricato è Ed Sheeran; secondo la British Phonographic Industry queste cifre scoraggianti hanno evidenti e significativi effetti sui nuovi investimenti musicali. In Inghilterra ci sono più download illegali che acquisti e questo è chiaramente un effetto distorto di un ingranaggio che va cambiato.

Il mercato discografico è in lotta continua contro la pirateria e fortunatamente dal punto di vista legislativo qualcosa si sta muovendo; il nocciolo della questione però è da rintracciare nella modalità da parte delle nuove generazioni di ascoltare musica. A prescindere se sia scaricata in modo legale o illegale, i giovani hanno un modo diverso di approcciarsi ai brani: preferiscono scaricarli piuttosto che recarsi in un negozio ad acquistare un cd.

Secondo quanto diffuso dalla Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI) in Itala il download legale vince nel settore musica su Internet. Le cifre capovolgono il pregiudizio sul panorama digitale riguardo alla pirateria online e mostrano che nei primi sei mesi del 2012 la musica digitale, tra download e streaming, è cresciuta del 43 per cento e rappresenta oggi il 33 per cento dell’intero mercato discografico italiano.




Reply