Lexmark: addio alle stampanti Ink-jet

Stop alla progettazione già dal 2013, supporto fino al 2015 per i prodotti in commercio. Le stampanti Ink-Jet secondo Lexmark sono sul viale del tramonto.

Dopo aver registrato una perdita di introiti del 61% nel comparto delle Ink-Jet, Lexmark ha deciso di tagliare 1700 posti di lavoro e cessare la produzione.

Secondo il CEO Paul Rooke, questo tipo di periferiche di stampa è destinato a soccombere per vari motivi.

In primis, il costo delle cartucce che fa lievitare il costo totale di stampa delle foto;  secondo: la concorrenza delle stampanti Laser a colori, il cui prezzo medio è oramai accessibile a tutti e che garantiscono colori più brillanti e durata maggiore, terzo (non potevano mancare all’appello) i social network: secondo lui non stampiamo più foto dato che possiamo oramai guardarle su qualunque device in qualsiasi momento.

Utilizzando poi i nuovi servizi di cloud, possiamo condividere interi album con i nostri parenti vicini e lontani con un solo click (e riprodurle sulle cornici digitali).




Reply