Le fatture n. 932110 del 23/05/2017 sono in formato WORD per essere visualizzate e stampate | VIRUS

0
42
ransomware

Nuova ondata di virus ransomware si sta abbattendo sul nostro paese. La modalità di adescaggio degli utenti e sempre la stessa.

Una email vi segnala una fattura non pagata o da stampare, se la si apre si è vittima, in pochi secondi, del famoso virus che cripta tutti i vostri documenti (doc, xls, pdf, txt, powert point etc) per poi chiedere il riscatto in BitCoin.

Di questo virus ne abbiamo parlato varie volte ma riparlarne fa sempre bene soprattutto quando nascono nuove insidie nel web.

Ecco cosa dice la mail che circola in questi giorni tramite la posta elettronica:

Gentile Cliente,

Le fatture n. 932110 del 23/05/2017 sono in formato WORD per essere visualizzate e stampate.

Il presente invio SOSTITUISCE INTEGRALMENTE quello effettuato in modo tradizionale a mezzo servizio postale. E’ quindi necessario GENERARNE UNA STAMPA e procedere alla relativa archiviazione come da prassi a norma di legge. La stampa da parte sua dei documenti fa fede ai fini fiscali e contabili. Confidando nel Vostro sollecito riscontro, inviamo i nostri distinti saluti.

Nigi Esposito

Oppure(variante):

Gentile Cliente,

Le fatture n. 707463 del 23/05/2017 sono in formato WORD per essere visualizzate e stampate.

Il presente invio SOSTITUISCE INTEGRALMENTE quello effettuato in modo tradizionale a mezzo servizio postale. E’ quindi necessario GENERARNE UNA STAMPA e procedere alla relativa archiviazione come da prassi a norma di legge. La stampa da parte sua dei documenti fa fede ai fini fiscali e contabili. Confidando nel Vostro sollecito riscontro, inviamo i nostri distinti saluti.

Stefano Sorrentino

Quello che risalta subito all’occhio è la dicitura <<Il presente invio SOSTITUISCE INTEGRALMENTE quello effettuato in modo tradizionale a mezzo servizio postale>>. Questa è realmente una norma che si applica quando si effettuano fatture di questo tipo.

Quindi gli autori di questi virus, oltre a crearlo, sono sempre più aggiornati e cercano sempre più di avvicinarsi alla realtà inducendo anche l’utente esperto, soprattutto se tratta giornaliermente di fatture, resi e di contabilità, a cadere nel tranello.

Come al solito il nostro consiglio è quello di stare sempre attenti a ciò che si apre.

Eccovi alcuni nostri articoli sui ransomware e soprattutto su come proteggersi:

Come per proteggersi da ransomware 

Come proteggersi da WannaCry


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.