La Camera ha approvato la nuova normativa. Ora chi, trovandosi in casa propria o nel luogo di lavoro | Disinformazione

Torniamo a parlare di bufale/disinformazione sui social network perchè in questi giorni ne circola una su facebook che ha come titolo: La Camera ha approvato la nuova normativa. Ora chi, trovandosi in casa propria o nel luogo di lavoro, si senta aggredito o minacciato, o creda minacciati e aggrediti i beni che gli appartengono, può reagire come crede, utilizzando le armi “legittimamente detenute” ed anche uccidendo.

Poi continua dicendo

Legittima difesa, è legge La Camera ha approvato la nuova normativa. Ora chi, trovandosi in casa propria o nel luogo di lavoro, si senta aggredito o minacciato, o creda minacciati e aggrediti i beni che gli appartengono, può reagire come crede, utilizzando le armi “legittimamente detenute” ed anche uccidendo. La sua reazione sarà sempre ritenuta proporzionata. La critica dell’Unione: “Un principio da Far West” ».

Con 244 sì e 175 no l’aula della Camera ha definitivamente approvato la legge sulla legittima difesa.

La legge parla chiaro, da oggi si potrà utilizzare qualunque mezzo LEGITTIMAMENTE DETENUTO per proteggere i propri beni nella propria casa.

In sintesi secondo la nuova legge chi, trovandosi in casa propria o nel luogo di lavoro, si sente aggredito o minacciato, o crede minacciati e aggrediti i beni che gli appartengono, può reagire come crede, utilizzando le armi “legittimamente detenute” ed anche uccidendo, perché la sua reazione sarà sempre considerata “proporzionata”.

SPARISCE così L’ECCESSO DI DIFESA.

Questa è una notizia vecchia di circa 9 anni! E’ stato fatto un “brutale” copia ed incolla (cambiando leggermente qualcosa – tipo le date)

L’articolo, nonostante abbia dei chiari copia incolla da articoli precedenti anche di anni, riporta la dicitura estremamente chiara “da oggi” (siamo nel 2015, non nel 2006)

Se fate una semplice ricerca su google vi accorgerete che questo articolo è vecchio!




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.