Intel acquisirà Nvidia?

Intel potrebbe acquisire Nvidia.

La notizia “Bomba” di queste ore è stata pubblicata dal sito Bright Side of News, il quale riporta che le due aziende sarebbero sedute intorno a un tavolo per discutere di sviluppi futuri, accordi sui brevetti e altro, tra cui la possibilità di una acquisizione/fusione.

Le società attualmente sono legate da un accordo di “cross licensing” della durata di 6 anni, che porterà nelle casse di Nvidia la somma totale di 1,5 miliardi di dollari.

Inoltre secondo la fonte in passato Intel avrebbe cercato l’accordo – sfumato – con Nvidia per integrare le GPU GeForce nei processori Sandy Bridge, Ivy Bridge e Haswell.

Questi sarebbero i punti di partenza di una collaborazione che potrebbe allargarsi, fino a trasformarsi in una acquisizione.

Intel d’altronde deve sbrogliare alcune matasse se vuole rimanere sulla cresta dell’onda in futuro e Nvidia sembra proprio avere ciò le serve, cioè competenza nel settore grafico e in quello dei system on chip per smartphone, tablet e automotive.

Perciò sul tavolo delle trattative al momento vi sarebbero tante opzioni di collaborazione, più una proposta “indecente” da parte di Nvidia: la possibilità di discutere dell’acquisizione in cambio della garanzia che Jen-Hsun Huang diventerà il futuro amministratore delegato di Intel, e che alcuni suoi uomini fidati assumano ruoli importanti all’interno della nuova entità.

Una richiesta “importante”, ma d’altronde l’attuale AD di Intel Paul Otellini, ha già annunciato il suo ritiro, che avverrà a maggio dell’anno prossimo, per cui il posto è ufficialmente vacante, ed è noto che si stanno vagliando candidati sia interni che esterni.

Inoltre abbiamo appreso all’inizio di quest’anno che prima di acquisire ATI nel 2006, AMD cercò l’accordo con Nvidia scontrandosi proprio la pretesa di Huang di diventare l’amministratore delegato della nuova nata.

Una richiesta che, a quanto pare, Huang presenta a tutti coloro che bussano alla porta della sua azienda.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.