In arrivo la batteria che si ricarica in 30 secondi inventata da una 18enne

Qual’è la pecca di tutti i nostri ultramoderni dispositivi? all’unanimità possiamo rispondere la batteria, che, viste le numerosissime funzioni che svolgono si scarica molto velocemente e non altrettanto rapidamente si ricarica.

Ebbene una giovane donna americana, Eesha Khare, di appena 18 anni ha messo fine ai nostri problemi, creando un supercondensatore in grado di ricaricarsi nel giro di 20-30 secondi: il brevetto è stato presentato all’  International Engineering and Science Fair e si aggiudicato il primo posto ritirando il premio 2013 corrispondente ad un compenso di 50 mila dollari.

Il supercondensatore è stato sperimentato su una lampadina a led ed inoltre ha dalla sua che è piccolo, flessibile e dura fino a 10.000 cicli di ricarica; queste caratteristiche renderanno possibile l’integrazione all’interno dei nostri smartphone con la tradizionale batteria e non solo: il supercondensatore potrebbe essere utilizzato  anche sull’auto elettrica del futuro.

Certo bisognerà attendere che vengano effettuate le dovute modifiche per l’integrazione del brevetto, ma sicuramente la ragazza passerà alla storia con la sua invenzione.

 




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.