Il cervello umano non può essere riprodotto in pc!

La Duke University, dopo una serie di studi, è giunta ad una conclusione: il cervello umano non è replicabile da un punto di vista digitale.

Piuttosto che immaginare robot o computer pensanti, è possibile invece che saremo noi ad assimilare la tecnologia, anche fisicamente: viene quindi scongiurata l’ipotesi di Ray Kurzweil, ingegnere di Google, sulla singolarità, ovvero sulla possibilità che in un futuro non molto remoto l’intelligenza artificiale supererà quella umana.

Ma professor Miguel Nicolelis, uno dei principali nomi della neuroscienza alla Duke University è stato conciso: seppure si riproducessero  i trilioni di collegamenti neuronali, non è possibile riprodurne l’imprevedibilità dei collegamenti tra essi:

“Non si può prevedere l’orientamento di Borsa, perché neanche con tutti i computer del mondo si può ricreare una coscienza.”

Insomma Terminator resta fantascienza, L’uomo bionico pure, ma ciò non esclude che un giorno i computer non possano essere integrati all’essere umano, per correggere disfunzioni o problematiche relative alla salute.
Voi che ne pensate, sareste d’accordo ad un simile progresso?




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.