Google+ inizia a “morire” da oggi, come salvare i vostri dati

Lo scorso ottobre Google aveva annunciato l’intenzione di volere chiudere il “suo” social network Google+ in seguito alla scoperta di una falla di sicurezza che aveva esposto dei dati relativi ai profili dei propri iscritti. L’ennesimo furto di dati ad un colosso del web (è successo anche a facebook) aveva indotto Big G ad affrettare il processo di chiusura del suo social, dando come termine ultimo aprile 2019. La novità che vi segnaliamo oggi è una “scaletta” che Google intende seguire per portare alla “morte” Google Plus.

Google+ chiude, ecco gli step

A partire da lunedì 4 febbraio 2019 non è possibile più creare dei nuovi profili sul social network. Stessa cosa per quanto riguarda pagine, community o eventi. Insomma, non c’è più modo di iscriversi, anche se non penso che ci siano ancora molte persone che lo fanno.

Per quanto riguarda i commenti generati da Google+ su siti web “di terze parti” verranno rimossi da Blogger entro il 4 febbraio e da altri siti entro il 7 marzo. Tutti i commenti sui siti web creati utilizzando Google+ verranno eliminati a partire dal 2 aprile.

A partire dalla data di chiusura annunciata, il 2 aprire 2019, verranno rimossi tutti i contenuti su Google Plus (ad eccezione delle note di Google e tutti quei contenuti che è comunque necessario preservare per motivi legali).

Se avete quindi delle foto o dei video vi conviene salvarveli da altre parti, avete tempo fino al 2 aprire 2019.

Come salvare i dati da Google Plus

Avete foto, video o documenti importanti che non volete perdere? Non c’è problema, potete recuperarli. Come? Semplice, potete seguire alcune semplice e dettagliate istruzioni su come creare e scaricare un archivio di Google+. Tali istruzioni sono state pubblicare da Google sulla pagina di supporto. Le foto e i video di cui è stato eseguito il backup su Google Foto sono sicuri e non verranno eliminati.

WordPress e accessi tramite account Google+

Potrebbero avere dei malfunzionamenti anche tutti quelli che utilizzano plugin di terze parti che si occupano della pubblicazione automatica dei loro post sul social network, mi riferisco a tutti quelli che usano WordPress o altri CMS ad esempio.

Per chi ha usato il proprio account per accedere a siti e app, i relativi pulsanti smetteranno di funzionare, ma in alcuni casi verranno sostituiti da un pulsante di accesso a Google.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.