Google compra bufferbox

Che Amazon e Google non siano delle aziende “amiche” s’era capito da tempo. E’ da un pò che si danno fastidio a vicenda – solo di recente si sono sfidati con i tablet! In effetti, se ci pensate, il core business delle due aziende era ed è differente. Amazon si occupa più di commercio online e spedizioni, mentre il core business di Google è più concentrato sulla ricerca web e sui servizi che ci girano intorno.

La notizia di qualche giorno fa però è Google ha effettuato un importante operazione finanziaria atta ad acquisire BufferBox, un azienda canadese che offre un servizio molto particolare per le spedizioni. La particolarità di queste spedizioni è quella di consentire di ricevere il pacco che avete ordinato dal Web in una cassetta di sicurezza targata BufferBox e situata in uno dei punti da voi prescelti fra quelli disponibili nella vostra città.

Con questa mossa Google punta a potenziare i servizi per la spedizione di prodotti offrendo agli utenti che acquistano sul Google Play store la possibilità di appoggiarsi a BufferBox, senza più essere vincolati agli orari dei corrieri.

Per farci un’idea più chiara sulla strategia che ha in mente Google, eccovi alcune dichiarazioni:

Vogliamo rimuovere più attrito possibile dall’esperienza dell’acquisto online. Nel contempo, vogliamo aiutare i consumatori a risparmiare, e siamo convinti che il team di BufferBox abbiano ottime idee su come fare ciò.

 Non sappiamo ancora di preciso cosa passi nella testa nella dirigenza di questo colosso informatico. Sicuramente c’è da aspettarsi qualcosa! E noi sicuramente vi terremo aggiornati 😉




Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.