Giornali: si legge di più, ma solo sul web!

La Federazione Italiana Editori Giornali, meglio conosciuta come FIEG, ha condotto uno studio sull’informazione giornalistica quotidiana e periodica nel triennio 2009-2011 ed il rapporto emerso non è dei più incoraggianti.

FIEGIl numero dei lettori dei giornali sono aumentati da 4 a 6 milioni, corrispondente ad un incremento pari al 1.8%, ma non sorprenderà più nessuno che questo aumento sia legato alle testate online.

Il numero degli utenti di siti delle testate, in un giorno medio, è cresciuto del 50%, soglia che le previsioni vedono abbondantemente superata nel corso del 2012. Ovviamente i lettori prediligono la lettura dai siti Internet per un risparmio economico e l’utilizzo dei dispositivi mobili consente la lettura in qualsiasi luogo, facilitando così la migrazione dal cartaceo al web.

Nel 2011, la crisi editoriale è stata arginata attraverso l’aumento dei prezzi di vendita; ciò non è bastato a risollevarne le sorti in quanto i ricavi, a causa della riduzione delle entrate derivanti dalla pubblicità,  sono comunque diminuiti del 2.2%.

Insomma dai dati emersi dal rapporto “La stampa in Italia 2009-2011” della FIEG la situazione non potrà di certo migliorare nel corso 2012, quindi sarebbe utile correre ai ripari prima che la crisi colpisca in maniera violenta questo settore.




Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.