Garanzia di Apple: l'Unione Europea non è soddisfatta

Secondo l’Unione Europea, l’Apple non ha un comportamento trasparente rispetto alla garanzia dei suoi prodotti.

Il Commissario per la Giustizia, Viviane Reding, pochi giorni fa si è espressa a tal proposito e non di certo in maniera positiva: in pratica l’azienda di Cupertino non comunica con chiarezza i termini della garanzia dei suoi prodotti, lasciando volontariamente i suoi clienti all’oscuro del fatto che possono ottenere riparazioni gratuite almeno per due anni dall’acquisto.

La Apple aveva già ricevuto una multa e dopo le contestazioni iniziali presentate all’autorità Antitrust, avrebbe dovuto ammettere la garanzia biennale, ma ben 21 paesi europei hanno lamentato alla Reding la mancata trasparenza.

Secondo alcuni questa confusione induce i compratori ad acquistare il pacchetto di garanzia aggiuntivo, che copre però ogni tipo di malfunzionamento, anche quelli non dipesi direttamente dall’utente.

Viviane Reding comunque auspica una legislazione unica per tutti i paesi membri riguardo la garanzia dei prodotti:

Questo caso e le risposte che ho ricevuto dai paesi membri mettono in chiaro perché la Commissione non può tenersi in disparte su questioni normative. Gli approcci legali in questi casi sono molto diversificati e incoerenti a livello nazionale.

 




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.