Firefox è in difficoltà – gli sviluppatori sostengono che ha cambiato il nostro modo di navigare, ce lo dimostrano in un video

Nel 2004 nasce la prima versione di Firefox, la 1.0 – in questi sette anni il browser di Mozilla è cresciuto in maniera esponenziale, almeno fino a quando non è entrato in gioco Google Chrome.

In questi giorni si parla di incertezze sul futuro di Firefox, Mozilla ha pubblicato un video per ricordare agli utenti il percorso fatto in questi anni dal suo browser, sottolineando come sia riuscito a cambiare la navigazione su internet.

Come mai attraversa un periodo difficile mozilla?

Non tutti sanno che a finanziare il progetto dello sviluppo di FireFox è stato fino ad ora Google che dava circa l’85% degli investimenti per lo sviluppo del software.

Fra mozilla e google esisteva un contratto triennale che a novembre è scaduto e fino ad ora non s’è parlato di un rinnovo. Appare  del tutto improbabile che Google lo rinnovi visto che il suo browser oramai spopola!

 

Video Mozilla

Gli sviluppatori di firefox hanno pubblicato un video che ripercorre la storia di Firefox, partendo dal bisogno di nutrimento del web che ha spinto gli sviluppatori a realizzarlo – popup di ogni genere, decine di finestre diverse e virus sempre più frequenti – ed arrivando ad oggi.

Il video si conclude con una frase ad effetto,

“siamo no-profit e combattiamo per proteggere il web che tutti amiamo”

e con l’invito a visitare il sito internet mozilla.org/story e sostenere il progetto effettuando una donazione.

Eccovi l’appello:

Crediamo che il web sia un posto in cui chiunque possa costruire i propri sogni. Guarda il video e scopri come un gruppo di persone si sia dedicato a rendere il Web uno strumento sicuro, aperto ed accessibile per la comunicazione, la collaborazione e la comunità creando Mozilla e come questo lavoro continui tuttora. E per favore aiutaci a continuare a costruire un Web che sia aperto, accessibile e sicuro effettuando oggi una donazione.

Video:

Fonte: thenextweb.com



Ti potrebbe interessare:


Reply