Femminicidio e Twitter: novità in arrivo per le segnalazioni!

Twitter deve correre ai ripari dopo i fatti accaduti pochi giorni fa in Inghilterra: l’attivista dei diritti delle donne, Caroline Criado-Perez, colpevole di aver chiesto ed ottenuto il cambio dell’effige sulla banconota da 10 sterline, sostituendo Darwin con Jane Austen, è stata perseguitata con tweet di minacce.

Un ragazzo ventunenne, accusato di essere uno degli stalker virtuali della Criado è stato arrestato da Scotland Yard, ma ovviamente questo non è bastato a mettere a tacere le polemiche che sono derivate da questo attacco social.

Si è mobilitata la politica britannica, in particolare la laburista Yvette Cooper,  insoddisfatta delle risposte di Twitter all’appello di Caroline e si è mobilitato il popolo del web che  su Change.org oltre 50mila persone hanno detto sì alla petizione che chiede a Twitter di inserire il bottone per denunciare gli abusi. 

E così il social network dell’uccellino ha oggi preannunciato che il prossimo mese sarà introdotto e reso immediatamente operativo un tasto per segnalare gli abusi, potenziando anche lo staff che si occuperà della gestione delle segnalazioni. 
E non solo, il direttore generale di Twitter, ha presentato le sue scuse a tutte le donne che per una superficialità di sistema, sono state vittime di abusi o minacce attraverso tweet:

Mi scuso personalmente con le donne che sono state insultate su Twitter e per quello che hanno sopportato. Gli insulti di cui sono state vittime non sono accettabili. Non è accettabile in un mondo reale e non è accettabile su Twitter. Possiamo fare di più e faremo di più per proteggere i nostri utenti da tali insulti. Questo è il nostro impegno.

E mentre i casi di femminicidio continuano a verificarsi di continuo, anche sul web qualcosa si muove, con estremo ritardo.

 

 




Reply