Facebook lancia citazioni e reactions su Messenger. C’è anche il “non mi piace”

Dopo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi adesso è ufficiale: il colosso americano Facebook aggiorna il suo client di messaggistica Messenger introducendo delle novità. Tra queste vogliamo dare risalto all’introduzione delle “reazioni”.

Tra queste troviamo il il “no, non mi piace” contraddistinto dal pollice in giù, e la possibilità di citare direttamente un partecipante di una chat di gruppo utilizzando l’oramai conosciuto simbolo della @(chiocciola), già conosciuto a tutti gli utenti visto che è già utilizzato per taggare le persone in un post oltre che per altri utilizzi tipo Twitter e Whatsapp

 

facebook

Facebook messenger e il tasto Dislike

Il product manager Drew Moxon non lo chiama Dislike ma lo definisce cosi:

non è “mi piace” e “non mi piace” ma semplicemente “un sì o un no”. Con il quale, ad esempio “far sapere la propria preferenza quando il gruppo sta organizzando una cena”

Con queste nuove adesso sono sette le reazioni disponibili in Messenger: faccina con cuori al posto degli occhi; faccina sorridente; faccina sorpresa; faccina che piange (tristezza), faccina arrabbiata, pollice in su, pollice in giù

Per inserire una Reazione, qualora non l’avete mai fatto, sappiate che è veramente molto semplice: basterà semplicemente tenere premuto a lungo su un messaggio e scegliere quella che ci sembra più appropriata. Alla ricezione di una Reazione, anche senza avere l’app aperta si riceverà una notifica di avviso

Facebook Messenger: aggiornamento disponibile

Fanno sapere da Menlo Park che queste nuove implementazioni saranno disponibili a partire da oggi anche se saranno rilasciate gradualmente (cosi come nello stile di facebook) a tutti gli utenti nei prossimi giorni e saranno fruibili soltanto attraverso l’ultima versione dell’applicazione, rilasciata su iOS pochi giorni fa

Un modo per facebook per sapere cosa piace e cosa non piace agli utenti? Anche 🙂




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.