Facebook: infermiera posta la foto di un cadavere

Certo che su facebook la gente posta veramente di tutto. Per mostrare ai propri connazionali «come si vive e si muore in Svizzera», una donna filippina che lavorava in una casa di cura svizzera ha pensato bene di posare accanto al cadavere di una donna anziana e poi di pubblicare le foto su Facebook.

Peccato per lei che una volta caricate sul social network, le immagini abbiano fatto rapidamente il giro del mondo e siano arrivate anche nelle mani dei giudici svizzeri. Gli inquirenti hanno immediatamente aperto un’inchiesta penale contro la donna per turbamento della pace dei defunti.

Le foto sarebbero state scattate nel gennaio del 2012, ma sono state postate su Facebook solo qualche settimana fa. La casa di cura invece è stata chiusa nel corso dell’ultimo anno a causa di problemi finanziari. Nelle immagini si vede l’infermiera che indossa un camice e che sorride. Accanto vi è il corpo senza vita di una novantaduenne, spirata da qualche ora.

Sotto un commento:

«E’ morta o dorme solamente? Io sono una ladra di anime. Le spedisco all’inferno dove parecchie già mi appartengono. Il resto del corpo è pronto per il compostaggio».

A denunciare la filippina, è stato il sindaco di Mogelsberg, Vreni Wild, che ha confermato ai media elvetici

di aver informato la polizia appena ha scoperto l’esistenza di queste raccapriccianti foto: «Siamo senza parole dichiara il sindaco elvetico. Martedì scorso abbiamo informato immediatamente gli organi competenti. Vogliamo sapere se vi sono coinvolte altre persone e chi ha scattato la foto».

La donna si difende dicendo:

Non volevo far del male a nessuno e neppure mancare di rispetto. Cercavo solo di mostrare a un’amica come si vive e si muore in Svizzera. In una casa di cura conosci nuove persone, ma dopo poco tempo queste muoiono. E’ la realtà quotidiana di un ospizio. Non capisco perché le persone ce l’abbiano con me. Alla fine sono belle foto

fonte: corriere




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.