Esami di Maturità 2013, guida alle possibili tracce

Gli Esami di Stato 2013 si avvicinano! Ricordiamo che dal 19 giugno prossimo inizieranno gli scritti. La prima prova che sarà effettuata, come di consueto, sarà quella dello scritto di Italiano. Poi il 20 giugno 2013 è la volta della seconda prova scritta, diversa per ogni indirizzamento di studio, mentre il 24 giugno 2013 si svolgerà la terza prova scritta multidisciplinare. Meno di una settimana, quindi, per ripassare la maggior parte delle informazioni racchiuse in tre anni di studi. Scatta, cosi come ogni anno, il toto traccia. Vediamo di dare una mano ai nostri lettori che affronteranno l’esame.

Per farlo ci avvaliamo del famoso sito di esperti del settore, Skuola.net. Ovviamente si tratta solo di previsioni.

Ungaretti in pole position, insieme a Svevo, Pirandello e Quasimodo per l’analisi del testo. Per quanto riguarda il tema o il saggio/articolo, bisogna tenere d’occhio il tema della crisi e dello sviluppo sostenibile, visto che il 2013 è l’anno Europeo contro lo spreco, internet (30 anni dalla nascita) e la condizione femminile e il cammino dell’integrazione europea, entrambi temi ricorrenti.

L’autore delle tracce della maturità si è lasciato sfuggire, in un’intervista rilasciata lo scorso anno, che per individuare gli argomenti si seguono dei principi ben precisi: per l’analisi del testo si sceglie un autore molto noto e un testo poco noto. Altra informazione molto importante è quella relative alla data di stesura delle tracce: esse vengono scritte molti mesi prima della maturità(tra gennaio e febbraio 2013 quindi). Non vengono mai toccati temi troppo scottanti come la religione e la politica per non mettere in crisi il maturando.

AUTORI DI ITALIANO PER L’ANALISI DEL TESTO

Dando uno sguardo alle tracce degli anni passati, si scopre che per l’analisi del testo vengono proposti solo autori del ‘900 , peraltro diffusamente trattati nel programma scolastico. Le previsioni si basano sulle “uscite” degli anni passati:: Umberto Saba (2000), Cesare Pavese (2001), Salvatore Quasimodo (2002), Luigi Pirandello (2003), Eugenio Montale (2004,2008 e 2012), Dante (2005 e 2007), Ungaretti (2006 e 2011), Svevo(2009) e Primo Levi (2010).

Ogni 3-5 anni abbiamo assistito al ritorno dei grandi Montale o Ungaretti.

SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE – AMBITO TECNICO SCIENTIFICO E TEMA GENERALE

Nelle proposte dal 2000 al 2012, Internet, o comunque qualcosa che tocchi il tema della digitalizzazione o dei nuovi modi di comunicare, e’ un tema ricorrente. Quindi potrebbe essere riproposto per l’ennesima volta.

SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE – AMBITO STORICO POLITICO

Un altro tema ricorrente è quello relativo al genere femminile e alla sua emancipazione. Inoltre, visto che in quest’ultimo anno si è parlato molto spesso della violenza nei loro confronti, crediamo che il saggio storico politico possa riguardare proprio la condizione femminile.

SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE – AMBITO LETTERARIO

Per quanto riguarda le tematiche ricorrenti nella letteratura italiana che ancora non sono state prese in considerazione dal Ministero nella formulazione delle tracce negli ultimi anni, ci sono: l’esperienza della guerra; il rapporto uomo-natura; la genialità e la follia; il viaggio; il sogno; la figura dell’intellettuale isolato; le figure femminili nella letteratura; l’inettitudine e la noia.

Che ne pensate?




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.