è nato iTunes 11: faccia nuova e novità importanti

Con circa un mese di ritardo è stato rilasciato ufficialmente iTunes 11. Presenta importanti novità, vediamole nel dettaglio.

Molti lo odiano, molti lo amano, fatto sta che se hai un device Apple non puoi farne a meno. Parlamo di iTunes, il prodotto “madre” che ha dato il via al successo planetario di Apple. Oggi si aggiorna, con molte novità sul piano grafico e moltissime sul piano operativo.

A sentire Apple, si tratta di una riprogettazione totale, che interessa l’interfaccia grafica, l’iTunes Store e consente una maggiore integrazione con iCloud, la nuvola di Cupertino.

Libreria. Aprendo la nuova versione, si nota subito che la libreria occupa ora tutta la finestra per rendere l’accesso ai contenuti più immediato. Potenziate notevolmente le ricerche, che ora restituiscono molte più informazioni e includono oltre alla musica anche i video. Nuova anche l’interfaccia Mini Player che ora consente di tenere sott’occhio i brani che si stanno ascoltando e modificare l’ordine di quelli in coda.

Visualizzazione delle App

Cronologia delle anteprime.  Consente di avere una sezione dedicata a tutti i brani e i film di cui avete visualizzato le anteprime in modo da facilitare l’acquisto successivo.

Coupon code. Con il nuovo iTunes 11 potete utilizzare una carta regalo iTunes, semplicemente ponendola davanti alla webcam del computer.

iCloud. La novità più accattivante la porta iCloud che ora è in grado anche di ricordare il punto in cui siete arrivati nella visione di un film, per poter poi continuare a vederlo dal vostro iPhone, iPad, iPod touch o Apple TV, ovunque voi siate.

Apple TV. Apple ha colto la palla al balzo per aggiornare anche il sistema operativo della Apple TV portandolo alla versione 5.1.1, in modo da supportare iTunes 11 e introdurre alcuni miglioramenti di stabilità.

Rinnovata anche l’applicazione Remote – che permette di controllare la riproduzione dei contenuti iTunes su Apple TV da iPhone, iPad iPod touch – con una nuova interfaccia su iPad.




Reply