e-Call, salvavita per automobilisti

L’UE ha approvato un progetto di regolamento sui dispositivi d’emergenza e-Call, in grado di allertare automaticamente servizi di soccorso in caso di incidente stradale. L’installazione di questi sistemi salvavita sui nuovi modelli di auto e furgoni leggeri dovrà essere effettuata entro il 31 marzo 2018.

Gli europarlamentari hanno inoltre inserito l’obbligo per la Commissione Ue di valutare, nei tre anni successivi alla primavera 2018, l’eventuale estensione dei dispositivi e-Call ad altre categorie di veicoli, come autobus, pullman o camion. Lo scorso giugno sono intanto entrate in vigore altre norme Ue che disciplinano le infrastrutture che gli Stati membri devono rendere operative entro il primo ottobre 2017 per l’elaborazione e la ricezione delle chiamate e-Call.

ecall

Per salvaguardare la privacy, nella nuova normativa è stata inserita una clausola di protezione dei dati in modo tale che il sistema di bordo e-Call non sia tracciabile prima dell’avvenuto incidente. Secondo le nuove approvate, la chiamata automatica dovrà fornire ai servizi di emergenza solo le informazioni minime, come ad esempio il tipo di veicolo, il combustibile utilizzato, il momento dell’incidente, la posizione esatta e il numero di passeggeri.

Le norme stabiliscono inoltre che i dati e-Call raccolti dai centri di emergenza o dai loro partner non debbano essere trasferiti a terzi senza il consenso esplicito della persona interessata.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.