Dropbox conferma l'attacco ricevuto!

Uno dei servizi più famosi al mondo di cloud storage <Dropbox> ha riconosciuto, in una nota, che è stato “rubato” un file contenente i dati di iscritti al servizio è stato rubato dall’account Dropbox di uno dei dipendenti della società e che tale informazione, successivamente, è stata utilizzata per l’invio di e-mail di spam!

Ecco la dichiarazione rilasciata:

La nostra indagine ha accertato che i nomi utente e password rubati di recente da altri siti Web sono stati utilizzati per accedere a un piccolo numero di account Dropbox. Abbiamo contattato questi utenti e li abbiamo aiutati a progettere i loro account. Una password rubata è anche stata usata per accedere all’account Dropbox di un nostro dipendente, dove era contenuto un documento progettuale con gli indirizzi email degli utenti. Crediamo che questo accesso sia finalizzato allo spam.

Dopo le scuse Dropbox prosegue nell’assicurare di aver introdotto ulteriori misure di sicurezza per proteggere la privacy degli utenti che fanno parte di tale servizio!

Tra le precauzioni prossimamente introdotte vi sarà:

Doppia autenticazione (come per esempio l’inserimento di una password e di un codice temporaneo inviato su telefonino al momento dell’accesso)

Nuovi meccanismi automatici in grado di identificare attività sospette, una pagina che consente di visualizzare gli accessi attivi al proprio account e l’invio di richieste saltuarie di modificare la password nel caso in cui, per esempio, non venisse cambiata da troppo tempo.

Staremo a vedere!




Tags:

Reply