Droga a forma di orsetto, la foto circola su Whatsapp | Caramelle orsacchiotto

Torniamo a parlare di queste caramelle a forma di orsetto visto che questo messaggio, da quando abbiamo lanciato (per primi) la segnalazione è diventato virale a più non posso.

Di cosa si tratta?

E’ un messaggio/catena che circola sul noto client di messaggistica per smartphone e che dice:

Salve a tutti, oggi mi hanno mandato questa foto è segnalato che come potete vedere sembrano caramelle a forma di orsacchiotto, ma purtroppo cosi non è, sembra sia una nuova droga che si sta inserendo addirittura nelle scuole elementari x adescare i bambini, io personalmente sono rimasta letteralmente scioccata! Vi chiedo la cortesia chi ha amici con bambini sia alle elementari, che medie di far girare questa foto..è di avvisarli…grazie a tutti..stiamo arrivando davvero a livelli paurosi..dio mio!😔😔😔😔).

caramelle orsacchiotto droga

Notizia vera o falsa?

Allarmismo direi. La notizia di per se è vera ma non è qualcosa accaduto in italia bensì in inghilterra e quindi NON IN TUTTE LE SCUOLE D’ITALIA. Le nostre accurate ricerche ci hanno portato ad una foto pubblicata sul periodico britannico TheSun qualche mese fa dove si parlava di un incidente verificatosi a Wythenshawe, in Manchester, quando 4 ragazze di 13 anni sono state ricoverate in ospedale dopo aver consumato pillole sospette che secondo i rapporti medici erano a forma di orsacchiotti.

Si tratta di pasticche di estasi o varie preparazioni di MDMA, ketamina e altri stimolanti che vengono spesso creati e distribuiti sotto forma di pillole che possono assumere diverse forme e colori per renderli più attraenti. È vero che molte varianti di questi farmaci possono somigliare ai dolci dei bambini.

In italia non c’è nessun riscontro al momento. Qualche bontempone ha pensato bene di scatenare il solito allarmismo e chiedere il copia incolla per far diffondere la notizia a più persone possibili.

In sostanza, almeno per l’italia, è una bufala anche se sfrutta un fatto avvenuto in inghilterra. C’è sempre da considerare poi che le eventuali pillole di exctasy distribuite hanno un costo (chi le darebbe gratis) e quale beneficio potrebbe trarne uno spacciatore che se le mette a vendere nei pressi di una scuola elementare? I bimbi, anche se siamo nel 2017, sicuramente non avranno sufficienti risorse economiche non credete?

Pensate amici a ciò che condividete prima di farlo, no? 🙂




Reply