DirectX 12 si chiameranno DirectX Blue

0
42

Se vi state chiedendo cosa viene dopo le DirectX 11 ora possiamo rispondervi, grazie al Cebit 2013 che si sta tenendo ad Hannover. La prossima versione delle API grafiche della Microsoft si chiamerà DirectX Blue.

Si intuisce che il nome prende spunto da Windows Blue, il prossimo grande aggiornamento previsto per questa estate che andrà ad interessare l’intero ecosistema Windows.

Ancora non si conoscono le principali differenze e novità ma sicuramente AMD ed Nvidia staranno già rendendo compatibili le loro prossime schede video con questa nuova versione delle DirectX, anche se i tempi sembrano essere ancora lunghi.

Infatti pare che l’uscita di questa versione sia prevista per il 2014.

C’è inoltre da considerare la questione Steam/Linux, fino ad oggi Microsoft ha detenuto una sorta di monopolio per quanto riguarda il mondo dei videogiochi per PC riuscendo a legare a sé numerose software house proprio grazie alle sue DirectX proprietarie. Tale scenario potrebbe subire dei cambiamenti grazie anche a Steam che sta cercando di diffondersi anche nel mondo Linux dove invece le OpenGL (le API grafiche open source) la fanno da padrona.


Ti potrebbero interessare:

mm
Nonostante la giovane età, ha una grande esperienza nello sviluppo software e si occupa di applicazioni per sistema operativo Android e iOS. E’ appassionato di giochi e console ed è costantemente aggiornato su tutte le novità del settore entraitment, soluzioni ai rompicapi, trucchi e novità sulle prossime uscite.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.