Daydream, ecco i cellulari che ora lo supportano

Sono passati molti mesi dal suo annuncio, ma Daydream sta iniziando ad essere installato nei cellulari che supportano sia il Nougat che le potenti caratteristiche richieste dalla piattaforma.

Ma cos’è Daydream?

Per chi non lo sa, questa è una piattaforma con il quale è possibile sviluppare, creare ed avviare Apps dedicate al mondo della Realtà Virtuale, o VR. E’ proprietaria di Google e promette di dare l’esperienza VR più dettagliata possibile. Questo però richiede una serie di fattori tecnici precisi.

Ecco dunque i cellulari che tutt’ora supportano la piattaforma Daydream:

  • Pixel
  • Pixel XL
  • Moto Z (Dopo che è stato aggiornato a Nougat)
  • Moto Z Force
  • Moto Z Force Droid
  • ZTE Axon 7
  • Asus ZenFone AR (E ha anche Tango!)
  • Huawei Mate 9 Pro e Porsche Mate 9 (Ma hanno bisogno dell’apparato VR dell’Huawei)

Il cellulare maggiormente indicato per questo scopo è naturalmente il Pixel.

E’ lo smartphone “made by Google” e quindi è creato anche per questo tipo di piattaforma(Daydream), ma anche tutti gli altri modelli qui presentati non sono male.

Ricordiamoci i fattori importanti per ottenere Daydream, questo vale anche per i cellulari ancora presenti sul mercato e quelli futuri:

Uno schermo ad alta risoluzione

Se fate caso molti degli Smartphone inseriti in questo articolo hanno un Display 2K WQHD, con un potente processore Snapdragon o Kirin disponibile alla creazione dell’intera esperienza VR.

I modelli di Snapdragon adatti sono 820, 821 ma soprattutto 835 che è ancora in arrivo. Il Kirin 960 è il modello più indicato per Daydream.

Tutti i cellulari che riscontrano le caratteristiche qui presentate saranno ottimi candidati per il Daydream.

Basterà ottenere l’aggiornamento a Nougat e già sono sulla buona strada: del resto tutti gli appassionati di Hacking e Root sono al lavoro per rendere compatibili tutti i cellulari, ammesso che possono sopportarne il carico.

Queste caratteristiche, infatti, sono imposte per una ragione precisa: per evitare giochi e programmi che poi non funzionino bene o che risultano essere troppo “sgranati”.




Tags:

Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.