Dal 20° settembre 2017 non potrai utilizzare il tuo conto PostePay se non hai attivo il nuovo sistema di sicurezza web | Truffa

Attenzione alla e-mail che circola tra i client di posta elettronica in queste settimane. Avvisa di una ipotetica scadenza entro il quale dovete effettuare delle operazioni sul vostro account PostePay onde evitare il blocco per questioni di sicurezza.

Ecco cosa dice la mail:

Gentile blog,

Dal 20° settembre 2017 non potrai utilizzare il tuo conto PostePay se non hai attivo il nuovo sistema di sicurezza web.

Il nuovo sistema di Sicurezza Web PostePay e una soluzione innovativa che garantisce maggiore sicurezza e affidabilita per le operazioni dispositive con PostePay effettuate sui siti online.
Il nuovo sistema per l`autorizzazione delle operazioni di pagamento effettuate con PostePay sui siti online,prevede l`utilizzo di due strumenti:
1. Dati di carattere personale.
2. Informazioni fiscali.
L`attivazione e semplice,gratuita e richiede 1 minuto.
Le alleghiamo la documentazione necessaria per attivare la protezione.
Cordiali Saluti,
Poste Italiane

In allegato alla mail c’è un file che, se aperto, vi indirizza verso un sito che solo in apparenza sembra quello di Poste Italiane. In realtà, invece, è solo un sito “clone” predisposto appositamente dai criminali informatici per carpire le vostre informazioni personali e quelle relative alla vostra carta di credito.

L’obiettivo è di facile intuizione: effettuare delle transazioni per vostro conto!

Fate sempre la massima attenzione alle e-mail e ai click che fate e ricordate sempre un aspetto fondamentale: Le poste sanno che circolano email fasulle di criminali informatici che cercano di truffarvi per cui non utilizzeranno mai questo strumento di comunicazione per inviarvi eventuali avvisi circa delle problematiche.

Purtroppo Poste Italiane proprio per la sua larghissima diffusione nel territorio nazionale è sempre uno dei principali obiettivi dei criminali. ATTENTI




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.