Come scoprire il numero di una chiamata anonima

E’ possibile risalire a chi ci fa una chiamata anonima e ci disturba continuamente? Questo è uno dei quesiti che riceviamo di più sui nostri canali dei contatti. Per rispondere a questa domanda, spieghiamo cosa sono le chiamate anonime e perché, per l’appunto, non è mostrato il numero di chi ci chiama. Scoprire il numero di una chiamata anonima non è però impossibile, anzi vi possiamo dire che si può fare.

Se siete interessati a scoprire il numero di una chiamata anonima vi invito a continuare a leggere questo articolo seguendo tutte le nostre indicazioni. Siamo sicuri che alla fine potrete ritenervi soddisfatti dei consigli che vi avremo dato.

In che modo, dunque, equipaggiare il nostro smartphone per smascherare i furbacchioni che ci chiamano con l’identificativo del numero nascosto? Basta scaricare e installare l’app WoozThat. Dopo una breve configurazione, ogni qualvolta qualcuno tenterà di chiamarci con l’ormai famoso #31# non dovremmo fare altro che rifiutare la chiamata per svelare il reale numero di telefono!

WoozThat

Verifichiamo che il nostro smartphone Android sia connesso al Web (tramite una rete senza fili o la connettività mobile 3G/4G) e accediamo al Play Store. Ricerchiamo l’app gratuita WoozThat. Tappiamo sul pulsante INSTALLA e attendiamo che il download venga completato. Quindi tappiamo APRI.

Al termine della installazione, avviamo l’app che abbiamo appena scaricato per procedere alla sua configurazione iniziale. Tappiamo sempre il pulsante Avanti fino ad arrivare alla schermata che ci informa della necessità di attivare una deviazione di chiamata gratuita(anche se l’app vi chiede se all’interno del dispositivo ci sia almeno 1 euro a disposizione, non preleverà nessun importo dalla vostra SIM). Confermiamo con un tap su OK.

Nella nuova schermata che appare indichiamo il nostro gestore telefonico e il numero di telefono, comprensivo di prefisso internazionale (+39 per l’Italia). Verifichiamo che i dati inseriti siano corretti e confermiamo tappando Fatto e poi Salva. Attendiamo qualche secondo.

Se tutto è andato per il verso giusto, ci ritroveremo di fronte ad una schermata di conferma. A questo punto non dobbiamo far altro che tappare su OK. WoozThat è attivo: anche se chiudiamo l’app, resterà comunque attiva in background, pronta ad analizzare ogni chiamata.

Dal menu principale di WoozThat tappiamo Impostazioni e semplifichiamoci ulteriormente la vita attivando l’opzione Rifiuta e identifica le chiamate anonime automaticamente. Così facendo, ogni chiamata anonima verrà rifiutata automaticamente. Confermiamo con OK.

Non appena arriverà una chiamata anonima, sul display dello smartphone apparirà un riquadro di WoozThat. Nel caso in cui non avessimo attivato il rifiuto automatico, tappiamo sul pulsante Identifica: la chiamata verrà rifiutata e partirà l’identificazione del numero nascosto.

Appare una nuova finestra popup: non dobbiamo far altro che tappare su OK (e, nel caso non volessimo vedere più questa finestra, selezioniamo l’opzione Non mostrare più). A questo punto, non dobbiamo far altro che attendere qualche secondo. WoozThat sta identificando il chiamante.

Non appena l’identificazione sarà avvenuta, apparirà una notifica nella traybar di Android. Tappiamola…et voilà! L’applicazione ha identificato il numero nascosto del chiamante. Adesso abbiamo la possibilità di richiamare il furbetto che stava cercando di mascherare la sua identità.

Video di configurazione:

Ha funzionato? Fateci sapere se vi trovate bene con quest’app!




One Response - Add Comment

Reply