Come rootare i dispositivi Android

Android è il sistema operativo mobile più aperto e se “rootato” permette di fare qualsiasi cosa con il proprio dispositivo.

Il “root” permette di avere permessi di amministratore così da poter installare alcune particolari applicazioni o anche per effettuare operazioni che altrimenti non sarebbero possibili come ad esempio riuscire a spostare le applicazioni sulla scheda microSD.

Ovviamente utilizzare applicazioni a cui si danno permessi di root comporta dei rischi e quindi bisogna fare più attenzione.

Vediamo come è possibile “rootare” la maggior parte dei terminali con sistema operativo Android.

SuperOneClick è uno dei software che permette di effettuare questa operazione in maniera semplice e veloce ed è compatibile con svariati dispositivi.

superoneclick

Tra i dispositivi compatibili troviamo: Acer Liquid Metal, Dell Streak, HTC Magic (Sapphire) 32B, HTC Bee, LG Ally, Motorola Atrix4G, Motorola Charm, Motorola Cliq, Motorola Droid, Motorola Flipside, Motorola Flipout, Motorola Milestone, Nexus One, Samsung Captivate, Samsung Galaxy 551 (GT-I5510), Samsung Galaxy Portal/Spica I5700, Samsung Galaxy S 4G, Samsung Galaxy S I9000, Samsung Galaxy S SCH-I500, Samsung Galaxy Tab, Samsung Transform M920, Samsung Vibrant, Sony Ericsson Xperia E51i X8, Sony Ericsson Xperia X10, Sprint Hero, Telus Fascinate, Toshiba Folio 100.

Se il vostro dispositivo non è in questa lista non è detto che non sia compatibile, infatti cercando in rete potrebbe darsi che qualcun altro ha provato che funzioni o che ci sia un’altra modalità per riuscire ad eseguire correttamente il root.

Collegate il dispositivo ad un computer tramite cavetto USB e assicuratevi di aver installato i driver (scaricabili dal sito del produttore Samsung, LG etc) e che il computer riconosca correttamente il dispositivo, infine tramite le impostazioni del dispositivo Android attivate il Debug USB.

Per scaricare il software SuperOneClick vi rimandiamo al sito Shortfuse. Una volta estratto l’archivio zip e avviato il programma tramite il file exe il rooting sarà piuttosto semplice, infatti in alto vi sono una serie di pulsanti molto esplicativi come “Root”, “Unroot” etc.

Ma SuperOneClick non è l’unico software che permette di effettuare il root, infatti se volete effettuarlo su un dispositivo Samsung vi è un altro programma gratuito chiamato ODIN concepito appositamente per i dispositivi del produttore sudcoreano.

Rispetto a SuperOneClick è un po’ più ostico per gli utenti alle prime armi ma una volta che si impara ad utilizzarlo risulta molto efficace. Il topic ufficiale con tutti i link e le guide in lingua originale lo trovato su XDA Developers a questo link.

ODIN non è un software a se stante, infatti a seconda del dispositivo bisognerà cercare e scaricare gli appositi file necessari per il rooting.

odin

Una volta scaricato ed estratto tutto il necessario possiamo procedere con l’operazione. Avviamo il software ODIN, colleghiamo il dispositivo tramite cavetto USB ed abilitiamo il Debug USB dalle impostazioni del dispositivo. Il dispositivo deve essere avviato in modalità Download, per attivare tale modalità bisogna spegnere il dispositivo e avviarlo premendo contemporaneamente i tasti Power+Home+Volume Giù, una volta avviato bisognerà premere il tasto Volume Su per conferma.

 

A questo punto bisogna clickare sul pulsante PDA da ODIN e dare in pasto il file tar.md5 contenuto nell’archivio dei file necessari per il rooting del dispositivo, infine avviare la procedura tramite il pulsante Start.

Infine troviamo i tool dedicati ai dispositivi prodotti da HTC, Unrevoked per quelli più vecchi e Revolutionary per quelli più recenti.




Tags:,

One Response - Add Comment

Reply