Come, quando e perché gli italiani rompono il cellulare

0
172
smartphone android

Alzi la mano chi, almeno una volta, non ha rotto il cellulare (o un tablet) o ci è andato vicino. Lo smartphone, per forza di cose, è diventato lo strumento che utilizziamo di più durante la giornata e quindi è piuttosto probabile che un momento di distrazione possa risultare fatale! Già proprio la distrazione, non a caso utilizziamo questa parola.

Secondo uno studio pubblicato da iFix-iPhone.com sui guasti registrati dagli smartphone in Italia quest’estate, infatti, la prima causa di rottura del cellulare è proprio la “distrazione”.  Vediamo i dati di quest’analisi.

Al primo posto delle cause di rottura più diffuse troviamo al 43% quella da caduta accidentale, seguita dai disastri combinati dagli animali domestici (17,3%), dagli incidenti sportivi (13,9%) e dai guai provocati da familiari e amici maldestri (9,9%).

Eccovi il grafico:

cause rotture cellulari

Joseph Caruso, responsabile Centro Statistico di iFix-iPhone.com, a tal proposito dichiara:

Prima di dare la colpa agli altri, però, siate onesti con voi stessi e chiedetevi se era proprio il caso di portare lo smartphone in spiaggia, dove si è registrato il 33,2% di rotture.

E se non fosse in alcun modo arginatile la vostra vanità, considerato il “sorprendente numero di telefoni caduti in mare dai traghetti, forse a causa di qualche selfie di troppo.

Per quanto riguarda le rotture per fascia d’età il risultato NON è scontato come pensate: vi verrebbe da dire che i ragazzi rompono di più i cellulari rispetto agli adulti, ma non è cosi. Secondo quanto emerge dallo studio, infatti, i maggiori distruttori di smartphone vanno da un’età compresa dai 35 ai 44 anni.

Probabilmente sono i più restii a separarsi dallo smartphone. I più attenti, invece, sono quelli con over 55. In questo caso, però, probabilmente ciò è dovuto ad uno scarso utilizzo dello smartphone (lo hanno ma non lo usano tanto, tranne che per telefonare).

Il grafico:

italiani e cellulari


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.