Campionato di Ruzzle: record negativo per i napoletani

Ruzzle, il gioco di abilità Sviluppato dalla MAG Interactive reperibile su Apple Store, Google Play e dal 2012 anche sul Marketplace di Windows Phone e sul BlackBerry World store, ha conquistato il mondo intero, tant’è che è stato realizzato un campionato in Italia, giunto in questi giorni alle fasi finali.

Al torneo di Ruzzle si sono iscritti circa 70.000 utenti e sono state fatte circa 15.000 partite al giorno: un successo incredibile per il gioco online. Vincitore del torneo un ragazzo palermitano di vent’anni che, al termine di 5 settimane di sfide, ha vinto un McBook Pro.

Roma è risultata la città con una partecipazione maggiore con una percentuale del 13%, segue Milano con 7% e Napoli 6%; ma il primato dei partenopei è del tutto negativo: la città “vanta” infatti il numero maggiore di “cheater”, ovvero di giocatori che sono ricorsi a metodi scorretti, barando durante le partite del torneo. 1630 imbroglioni, sono stati esclusi dal campionato di Ruzzle, senza alcuna possibilità di replica.

Oltre al giovane palermitano sono stati premiati anche altre categorie di “vincitori”: quello più assiduo, cioè che ha giocato il maggior numero di partite, colui che durante il corso di una settimana è riuscito a superare il maggior numero di livelli, e chi è riuscito a totalizzare il punteggio più alto in un’unica partita.




Una Risposta - Aggiungi commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.