Bruxelles VS Microsoft: in arrivo nuove sanzioni

Continua il braccio di ferro tra Bruxelles e Redmond: in arrivo una nuova multa per la mancanza del componente di scelta del browser in Windows 7 Sp1.

Con XP Sp3, Microsoft aveva introdotto un simpatico componente che, appena terminata l’installazione, mostrava una lista dei browser più “gettonati” del mondo consentendo all’utente di scegliere quale installare. Anche se Internet Explorer era ovviamente in pole position (come posizionamento grafico nel componente stesso) , molti utenti sceglievano di installare Chrome piuttosto che Firefox o Opera.

Questo componente (Ballot screen) ovviamente è apparso dopo che Microsoft ha perso la prima causa per abuso di posizione dominante, in relazione alla scelta di installare Internet Explorer su tutti i PC dotati di sistema operativo Windows.

Pare però che la lezione non sia servita a molto: non c’è traccia, infatti, del componente di cui sopra in Windows 7 Sp1. Da Bruxelles fanno sapere quindi di aver istituito un’indagine che sicuramente porterà ad una nuova sanzione: parola del  Commissario alla Concorrenza Joaquin Almunia, che sostiene la tesi che “Microsoft non ha mostrato la Ballot screen a 28 milioni di utenti di Windows 7 SP1, violando di fatto i patti stretti con la Commissione a febbraio 2011”.

Qualora fossero appurate le responsabilità di Microsoft, la multa potrebbe addirittura essere pari al 10 per cento dell’intero fatturato del colosso statunitense  che ammonta a circa 7 miliardi di dollari.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.