Attenti alle chiavette per navigare

Secondo due ricercatori russi, non sono solo pc, laptop, tablet e smartphone ad essere i più pericolosi veicoli per la diffusione di virus ad opera di hacker: in cima a questa graduatoria troviamo le chiavette 3G e 4G, particolarmente vulnerabili.

Alla Black Hat Europe, conferenza tenutasi ad Amsterdam e dedicata ai temi della sicurezza, Tarakanov e Oleg Kupreev, questi i nomi dei due russi,  sostengono infatti che il software delle chiavette contengono diverse caratteristiche sfruttabili da eventuali malintenzionati. Infatti questi accessori vengono venduti già con una sorta di ridotto sistema operativo che è risultato altamente vulnerabile: 

È molto facile – ha spiegato Tarakanov durante la conferenza di Amsterdam – modificarlo e copiarlo sul dispositivo di nuovo. Ci sono diversi strumenti online per farlo. Un software dannoso nel computer potrebbe trovare il modello e la versione del modem e riscrivere il file di sistema, infettando così tutti i computer su cui la “chiavetta” viene usata.

La maggior parte di questi mini modem sono prodotti dalle case cinesi Huawei e Zte: un’accusa ricorrente è che questi produttori introducano delle “backdoor” per carpire informazioni da girare poi al governo di Pechino.




Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.